• Google+
  • Commenta
23 maggio 2014

Alla Bicocca Corpi bambini, Sprechi d’infanzie

Maestra cattivissima televisione

Università degli Studi di Milano -Bicocca – Proiezione del video corpi bambini, sprechi d’infanzie

Corpi bambini - Sprechi infanzie

Corpi bambini – Sprechi infanzie

Dalla pubblicità ai programmi in prima serata, dai reality show ai set fotografici il mondo dei media è sempre più polarizzato tra baby testimonial precocemente adultizzati o adulti ultracinquantenni o ultrasessantenni contrassegnati da evidenti ricorsi a strumenti di ringiovanimento.

In particolare, sono sempre di più i bambini che diventano testimonial di campagne pubblicitarie o star del piccolo schermo.

Autrici di Corpi bambini, Sprechi d’infanzie

Le autrici del video Corpi bambini. Sprechi d’infanzie, Maria Grazia Contini e Silvia Demozzi, del Dipartimento di Scienze dell’Educazione Alma Mater Studiorum Bologna saranno ospiti dell’Università di Milano-Bicocca, nel  corso di un incontro promosso dall’insegnamento di filosofia dell’educazione della ricercatrice Emanuela Mancino. Le due pedagogiste parleranno dei furti operati ai danni di corpi bambini chiamati a diventare grandi troppo presto. Bambini obbligati a guardare gli stessi programmi televisivi dei genitori, a vestire, a cantare e parlare come i genitori.

Il video Corpi bambini, Sprechi d’infanzie

La visione del video sarà accompagnata dal confronto di pedagogisti ed esperti per riflettere sui diritti dei bambini ad avere cittadinanza dentro al proprio tempo e per portare nuova attenzione al mondo dell’infanzia, perché sia un momento della vita in cui il “non saper ancora parlare” possa conservare tutto il mistero di un mondo che va tutelato nelle sue forme proprie, non ancora tradotte in “adultese”.

Intervengono, tra gli altri, Angelo Pisani, comico di Zelig e autore di “Conto fino a tre…parola di papà” e del blog Contofinoatre che descrive la faticosa quotidianità di un genitore imperfetto e che dialoga con i Sulutumana, gruppo musicale da sempre attento al mondo dell’infanzia, attraverso percorsi di formazione musicale nelle scuole, canzoni e raccolte per bambini.

L’incontro è a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili. È richiesta l’iscrizione tramite modulo che trovate qui


© Riproduzione Riservata