• Napolitani
  • Gnudi
  • Quarta
  • Paleari
  • Gelisio
  • Alemanno
  • Ward
  • de Durante
  • Cacciatore
  • Miraglia
  • Bruzzone
  • Chelini
  • Antonucci
  • Carfagna
  • Algeri
  • Baietti
  • Catizone
  • Quaglia
  • Ferrante
  • Rinaldi
  • Romano
  • De Leo
  • Scorza
  • Boschetti
  • Casciello
  • Tassone
  • Cocchi
  • Mazzone
  • Santaniello
  • di Geso
  • Dalia
  • Valorzi
  • Bonanni
  • Falco
  • Leone
  • Coniglio
  • Bonetti
  • Crepet
  • Barnaba
  • Liguori
  • Romano
  • Rossetto
  • Andreotti
  • Grassotti
  • Meoli
  • De Luca
  • Pasquino
  • Buzzatti
  • Califano

Verso uno spazio comune europeo di giustizia a Unisa

Elena Belvedere 14 Maggio 2014
E. B.
29/11/2021

Verso uno spazio comune europeo di giustizia 13-17 maggio 2014.



Se ne parla a Vietri con esperti e docenti anche dell’Università di Salerno

I disturbi relativi al fegato e alle vie biliari sono, tra i bambini, comuni cause di malattia cronica e colpiscono un bambino su 8.000. Molte forme sono congenite e possono essere causate da anomalie genetiche, malformazioni strutturali e infezioni prenatali.

Altre forme, che sono comuni anche negli adulti (cioè, epatopatie croniche virali e autoimmuni, e il coinvolgimento epatico di condizioni sistemiche come la celiachia e l’obesità), mostrano caratteristiche distintive pediatriche che richiedono attenzione. Infatti, alcune di esse, se non trattate adeguatamente e tempestivamente, evolvono in fibrosi epatica e cirrosi fino alla necessità del trapianto di fegato. Un aspetto sul quale vale la pena tenere i riflettori accesi.

Di questo si stanno occupando i 40 giovani gastroenterologi pediatri provenienti da tutto il mondo che sono da ieri e fino al 17 Maggio a Vietri sul Mare (Sa) per una full immersion residenziale avanzata sulle malattie epatobiliari del bambino organizzata e diretta dal Prof. Pietro Vajro, Epatologo Pediatra che ha sempre ricoperto ruoli direttivi e segretariali nelle società scientifiche nazionali ed europee di gastroenteroepatologia e nutrizione pediatrica, e attualmente docente di Pediatria del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Salerno.

La Faculty, costituita dal prof. Vajro e da 10 membri dell’Hepatology Committee dell’European Society of Pediatric Gastroenterology, Hepatology e Nutrition (ESPGHAN), sarà rafforzata ad hoc anche da alcuni esperti del nostro Paese, fra i quali spiccano anche i professori Stefania Nori, Carolina Ciacci e Marcello Persico, indiscusse risorse rispettivamente di Anatomia e Gastroenterologia/Epatologia dell’Università di Salerno.

Nelle 4 giornate di lavoro verso uno spazio comune europeo di giustizia gli allievi potranno approfondire in maniera interattiva le più moderne conoscenze sulla diagnosi e la gestione delle malattie epatobiliari rare e meno rare ad esordio pediatrico su base genetico/metabolica, autoimmune, infettiva, strutturale, oltre che della NAFLD correlata all’obesità e alla sindrome metabolica. Tra gli argomenti trattati, anche il monitoraggio del bambino epatotrapiantato e le strategie di Transizione dalle cure in ambiente pediatrico a quelle dell’epatologodell’Adulto.

L’organizzazione dell’ESPGHAN Pediatric Hepatology Summer School di Vietri, patrocinata anche dal Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Salerno, nel 2014 ha ricevuto per la prima volta dalla sua istituzione il prestigioso riconoscimento della sponsorship congiunta dell’European United Gastroenterology (UEG) e dell’ European Association for the Study of the Liver (EASL) come attività di eccezionale rilievo nell’ambito dell’alta formazione europea in epatogastroenterologia.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Elena Belvedere Ufficio di supporto della redazione. Svolge mansioni di relazioni politico - sociali Coordina la struttura dell’ufficio Relazioni Cura l’aspetto costitutivo di Controcampus nello staff centrale e negli staff periferici Cura i rapporti con le varie entità sociali con cui controcampus entra e/o dovrebbe entrare in contatto. Supporta la segreteria di redazione Leggi tutto