• Google+
  • Commenta
7 giugno 2014

Flash Forward: orientamento alle lauree scientifiche Uniud

Uniud

Università degli Studi di Udine – 300 studenti medi al progetto Flash Forward di orientamento alle lauree scientifiche

Flash Forward Uniud

Flash Forward Uniud

Seconda edizione dell’iniziativa Flash Forward: organizzata università regionali: Udine, Trieste, Sissa. Premiati 15 ragazzi di tre istituti scolastici udinesi

Sono circa 300 gli studenti dei licei Copernico e Marinelli e dell’istituto Malignani di Udine che hanno partecipato al progetto di orientamento universitario alla lauree scientifiche Flash Forward 2”.

L’iniziativa Flash Forward, giunta alla seconda edizione, è promossa dagli atenei di Udine, Trieste e dalla Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa), ed è finanziata dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Protagonisti del progetto sono stati i ricercatori delle università e dei centri di ricerca regionali e i ragazzi delle quarte e quinte di sette scuole, tre di Udine e quattro di Trieste (istituto comprensivo “Ai Campi Elisi”, licei Galilei, Oberdan, Prešeren). L’evento finale si è svolto oggi in contemporanea a Udine e a Trieste, in collegamento diretto via web, alla presenza dei due rettori, Alberto Felice De Toni e Maurizio Fermeglia.

All’Università di Udine sono stati premiati i 15 studenti dei tre istituti cittadini (5 per ogni scuola) che più si sono distinti nel corso del progetto. Si tratta di Roberta Fiorino, Eleonora Furgiuele, Mariagiorgiana Mulea, Simone Novello e Sara Zermano per il Copernico; Edoardo Bertoni, Sara Grassi, Bruno Moreale, Laura Veneto e Riccardo Zuccolo per il Malignani; Francesco Amato, Cloe Gasparo, Filippo Martinelli, Michele Pitticco e Sebastiano Raiz per il Marinelli.

L’iniziativa Flash Forward punta a far conoscere meglio gli studi scientifici universitari agli studenti prossimi all’esame di maturità sfruttando le potenzialità di internet grazie alla reti Garr e Lightnet. Per tre mesi, da marzo a maggio, studenti e scienziati si sono confrontati in collegamento audio-video dalle rispettive postazioni – laboratori e classi – a partire da una lezione informale (in tutto sono state una trentina) tenuta dal ricercatore.

Google+
© Riproduzione Riservata