• Google+
  • Commenta
18 luglio 2014

Agenzia delle Dogane e Univr insieme per formazione e la ricerca



Università degli Studi di Verona – Firma della convenzione quadro tra l’università di Verona e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del Veneto e Friuli Venezia Giulia

Agenzia delle Dogane e Univr

Agenzia delle Dogane e Univr

Sinergia per la formazione e la ricerca

Siglato l’accordo di collaborazione tra l’università di Verona e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, direzione interregionale per il Veneto e Friuli Venezia Giulia.

La convenzione quadro, della durata di tre anni, è statafirmata dal rettore Nicola Sartor e dal direttoreinterregionale dell’Agenzia Paolo Di Roma, il 17 luglio, nella Sala Barbieri di Palazzo Giuliari. La sinergia tra le due istituzioni del territorio nasce per favorire uno scambio di esperienze e di competenze sotto i profili istituzionale, organizzativo, applicativo e tecnico e rispondere alla necessità di innovare il ruolo della Pubblica Amministrazione.

Convenzione Agenzia delle Dogane e Università di Verona

“La firma di questa convenzione – ha dichiarato Nicola Sartor – rispecchia la volontà del nostro ateneo di cooperare con istituzioni pubbliche e private sia a livello di ricerca applicata, come in questo caso, sia per quanto riguarda la formazione”.

“Oggi è il punto di arrivo di un lungo percorso di avvicinamento tra pubblica amministrazione e mondo delle imprese – ha aggiunto Paolo Di Roma – L’obiettivo è quello di costruire un sistema di relazioni a lungo termine che favorisca la crescita del territorio e la conoscenza delle tematiche doganali”.

“La convenzione continua la firma del 2009 del Memorandum of understanding tra università di  Verona e World customs organization, Wco, l’organizzazione mondiale delle dogane – ha sottolineato Sebastiano Maurizio Messina, ordinario di Diritto tributario – Nella prospettiva della formazione sulle materie doganali e sulla fiscalità connessa agli scambi internazionali sono già stati avviati due corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale in Discipline doganali e in Operazioni con l’estero e Processi di internazionalizzazione dell’impresa”.

La convenzione tra Agenzia delle Dogane e Univr arriva dopo la firma del 2009 del Memorandum of understanding tra università di Verona e World customs organization, Wco, l’organizzazione mondiale delle dogane. Un accordo grazie al quale Verona è diventato il primo ateneo italiano a collaborare con tale istituzione facendo parte anche dell’International network of customs universities con sede a Canberra, Australia. Nella prospettiva della formazione sulle materie doganali e sulla fiscalità connessa agli scambi internazionali sono, inoltre, già stati avviati due corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale in Discipline doganali e in Operazioni con l’estero e Processi di internazionalizzazione dell’impresa.

Grazie alla nuova convenzione l’ateneo e l’Agenzia delle Dogane e Monopoli collaboreranno nei settori dell’informazione, dell’aggiornamento, della didattica, della ricerca nel campo del diritto del commercio internazionale e della tecnica doganale. Il tutto attraverso l’attivazione di iniziative formative rivolte agli studenti e al personale doganale e alla realizzazione di progetti di ricerca congiunti. Master, corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale, seminari, convegni, conferenze, stage e visite guidate sono, infatti, solo alcune della attività che prenderanno il via grazie alla nuova collaborazione. L’occasione per neolaureati e professionisti di scoprire, acquisire conoscenze e fare esperienza professionale sulle attività di controllo, accertamento e verifica relative alla circolazione delle merci e alla fiscalità interna connessa agli scambi internazionali, ambiti di cui si occupa l’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Università e Agenzia si impegnano, per tutta la durata della convenzione, a fornire con periodicità annuale una selezione delle ricerche, degli studi in corso, dei progetti conclusi e delle altre attività di supporto alla didattica, per offrire agli studenti e ai laureati, da un lato, e al personale dell’Agenzia, dall’altro, percorsi formativi, di aggiornamento professionale e di ricerca più adatti alle esigenze del mercato.


© Riproduzione Riservata