• Google+
  • Commenta
7 novembre 2014

Studenti Bicocca diventano testimonial dell’Ateneo Unimib

Università degli Studi di Milano – Bicocca – Gli Studenti Bicocca diventano testimonial dell’Ateneo

Studenti Bicocca

Studenti Bicocca

Avvocati, medici, insegnanti e scienziati di domani. Tutti in posa per la campagna di comunicazione dell’Ateneo “Mettici la faccia” realizzata totalmente in-house. Gli studenti hanno partecipato al casting in 150, alla fine ne sono stati scelti 32. La nuova campagna di comunicazione con gli studenti Bicocca partirà ufficialmente a dicembre.

Sono 32 gli studenti Bicocca che impersoneranno la nuova immagine dell’Università di Milano-Bicocca. Partita a luglio, la campagna per reclutarli si chiama “Mettici la faccia”. Al casting hanno partecipato in 150.

La nuova campagna di comunicazione degli Studenti Bicocca

La nuova campagna di comunicazione, che partirà ufficialmente a dicembre e porterà i volti degli studenti in tv, online e sui giornali, è stata pensata e realizzata totalmente in-house, puntando su professionalità e competenze interne.

I 32 volti Studenti Bicocca hanno partecipato a un vero e proprio shooting fotografico presso il Centro di produzione multimediale dell’Ateneo, con luci, macchine professionali e truccatori (guarda le foto del backstage).

Dall’Italia alla Cina, dal Camerun al Bangladesh, dalla Romania alla Colombia, gli studenti-testimonial sono stati selezionati per rappresentare le diverse provenienze geografiche e le varie aree disciplinari dell’Ateneo. Lo studente più giovane che ha deciso di metterci la faccia ha vent’anni e studia Informatica, il più grande 43 e studia Giurisprudenza.

Il nuovo progetto con gli studenti Bicocca, partito da un’idea dall’ufficio orientamento, è stato poi sviluppato insieme a dmedia Group che, attraverso la sua agenzia Publi in, si è occupata dell’idea creativa.

Oltre a esprimere al meglio i valori dell’Ateneo, l’autoproduzione ha permesso anche un significativo risparmio economico: la campagna è costata 12mila euro.

Google+
© Riproduzione Riservata