• Google+
  • Commenta
17 novembre 2014

Università di Camerino fra gli organizzatori di Interdoc 2014

Università degli Studi di Camerino – Unicam fra gli organizzatori di Interdoc 2014, convegno nel programma della Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea

Interdoc 2014

Interdoc 2014

Interdoc 2014

E’ organizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con le Università di Camerino e Padova e con la consulenza di esperti dell’European University Association (EUA), il convegno INTERDOC 2014 – International, Intersectoral and Interdisciplinary: the triple ‘i’ approach to doctoral training 20/11/2014-21/11/2014 INTERDOC 2014 – internazionale, intersettoriale e interdisciplinare: la tripla ‘i’ approccio alla formazione di dottorato che si svolgerà a Padova il 20 e 21 novembre prossimi, presso il Palazzo Bo (Via Otto Febbraio, 2) dell’Ateneo padovano, sotto gli auspici della Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea.

“La conferenza – sottolinea la prof.ssa Cristina Miceli, Direttore della School of Advanced Studies e relatrice nel corso del convegno – vuole essere una riflessione sulle buone pratiche a livello europeo per migliorare la formazione alla ricerca attraverso il dottorato, e quindi le opportunità di carriera dei giovani ricercatori. I concetti chiave del convegno sono gli scambi internazionali, la mobilità intersettoriale (università-impresa) e l’interdisciplinarietà”.

“Il mio intervento, dal titolo “Progetto Eureka: un accordo di cooperazione tra Regione, imprese e università per la formazione di dottorato” – prosegue la Prof.ssa Miceli – prenderà in esame la situazione relativa al Progetto Eureka nella Regione Marche. Infatti, negli ultimi tre anni 261 borse di dottorato di ricerca sono state co-finanziate nell’ambito di un accordo trilaterale, sotto la supervisione di mentori delle quattro Università marchigiane e delle imprese locali. La procedura inizia con un protocollo di intesa fra le Università e la Regione nel quale si definiscono le modalità di finanziamento e i temi scientifici su cui focalizzare l’attenzione, nel rispetto della vocazione del territorio e nell’ interesse per lo sviluppo delle conoscenze e dell’ innovazione industriale. A seguire, ricercatori universitari e dirigenti delle imprese collaborano nell’ideazione di progetti di ricerca sui temi definiti che diventeranno oggetto delle tesi di dottorato. Nell’intervento saranno trattati gli obiettivi raggiunti e le problematiche aperte. Siamo molto soddisfatti, come Ateneo di aver preso parte all’organizzazione di questo importante evento e di poter partecipare in rappresentanza delle quattro Università marchigiane”.

Google+
© Riproduzione Riservata