• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2014

Planck all’Università di Ferrara, conferenza sul telescopio spaziale Planck

Missione Planck

Università degli Studi di Ferrara – Si conclude domani la presentazione in anteprima mondiale dei risultati del telescopio spaziale Planck dell’Agenzia Spaziale europea

Telescopio Planck

Telescopio Planck

Oltre duecento astrofisici da tutto il mondo si sono dati appuntamento a Ferrara dall’1 al 5 dicembre, per discutere dei nuovi risultati del telescopio spaziale Planck dell’Agenzia Spaziale europea (ESA), presentati in anteprima mondiale a Palazzo Costabili, sede del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara.

La conferenza Planck 2014: the microwave sky in temperature and polarization, che si conclude domani, è stata inaugurata lunedì scorso dal Prof. Roberto Calabrese, Direttore del Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra, in rappresentanza dell’Università di Ferrara, dal Dott. Arvind Palmer, in rappresentanza dell’ESA e dal Prof. Nazzareno Mandolesi, docente di Unife e chair del comitato organizzatore.

Mappe della radiazione di fondo cosmico realizzate da Planck

Le mappe della radiazione di fondo cosmico realizzate da Planck sono state presentate ai media lunedì scorso nella sede dell’Istituto Universitario di Studi Superiori IUSS-Ferrara 1391, nel corso di una conferenza stampa, cui hanno partecipato anche giornalisti delle prestigiose riviste Nature e Science, alla fine della quale è stato rilasciato un comunicato congiunto di Unife, dell’Agenzia Spaziale Italiana e dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Nel corso della settimana a Palazzo Costabili si sono susseguiti gli interventi scientifici, inclusi quelli del Prof. Paolo Natoli e del Dott. Massimiliano Lattanzi del Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Ateneo, membri della collaborazione Planck, che hanno presentato ricerche svolte ad Unife. L’organizzazione del convegno è stata affidata a un team del Consorzio Futuro in Ricerca coordinato da Chiara Ciampaglia. L’evento ha avuto ampia risonanza da parte dei mezzi di informazione nazionali e internazionali: oltre ai citati Nature e Science, se ne sono occupati anche il New York Times e il francese Liberation, assieme a La Stampa, La Repubblica, Focus, Il Sussidiario ed altre testate locali. L’emittente giapponese NHK ha inviato a Ferrara una propria troupe a copertura dell’evento.


© Riproduzione Riservata