• Google+
  • Commenta
13 marzo 2015

Unipi, collaudati i contenitori smaltimento materiali radioattivi a bassa attività

Contenitori smaltimento materiali radioattivi

Università degli Studi di Pisa – All’Università di Pisa collaudati i contenitori per lo smaltimento in sicurezza di materiali radioattivi a bassa attività

Contenitori smaltimento materiali radioattivi

Contenitori smaltimento materiali radioattivi

La ricerca, durata 2 anni e finanziata da Ansaldo Nucleare,  è stata condotta nel Laboratorio Scalbatraio del dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale, l’unico centro in Italia autorizzato per questi test sui contenitori smaltimento materiali radioattivi

Il dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Università di Pisa ha appena concluso un’attività sperimentale di qualificazione dei contenitori smaltimento materiali radioattivi a bassa attività iniziata nel luglio del 2013 e finanziata da Ansaldo Nucleare. L’attività si è svolta principalmente presso il Laboratorio Scalbatraio, l’unico centro in Italia per la qualificazione di contenitori per materiali radioattivi.

“A seguito della validazione che abbiamo effettuato e della approvazione da parte dell’Ente di Sicurezza dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) – ha spiegato il professore Donato Aquaro dell’Ateneo pisano responsabile scientifico della ricerca – saranno costruiti circa 2.000 esemplari presso il centro di ricerche della Commissione europea JRC a Varese per inglobare e stoccare rifiuti radioattivi”.

I test sui contenitori smaltimento materiali radioattivi

I test sui contenitori smaltimento materiali radioattivi sono stati effettuati su cinque contenitori di forma prismatica (1,6 m x 2,5 m di base ed un’altezza di 1,2 m) con un volume di circa 4 metri cubi al cui interno sono previsti o basket cilindrici per l’alloggiamento di fusti cilindrici o basket prismatici per stoccare componenti sfusi quali pompe, valvole, tubazioni, materiale lapideo ecc. Entrambi i tipi di rifiuti sono stati quindi inglobati in una malta cementizia ad elevata fluidità e resistenza. In particolare, le prove di qualificazione effettuate sono state numerose sia per il contenitore sia per la matrice di inglobamento: irraggiamento accelerato su provini di malta; inglobamento di rifiuti nella malta con una ricetta realizzata al Laboratorio Scalbatraio; verifica dell’inglobamento dei rifiuti; test di caduta libera; prova termica in forno a 800° C per mezz’ora per simulare un incendio. Quest’ultimo test è stato preceduto da una prova su un modello in scala ridotta presso il Laboratorio Scalbatrario con l’assistenza di una squadra di Vigili del Fuoco: la prova serviva a garantire che il bitume presente nei fusti di un contenitore non raggiungesse la temperatura di autocombustione, ovvero 250° C.


© Riproduzione Riservata