• Google+
  • Commenta
27 maggio 2015

Tommaso Simoncini dell’Università di Pisa sulla rivista Nature

Università degli Studi di Pisa – Professore dell’Università di Pisa invitato a contribuire al numero inaugurale della nuova rivista del gruppo Nature

Tutte le news sulla tua università e sul tuo corso di laurea solo su Controcampus: rimani aggiornato con la fan page CC. Inoltre se sei un corso di laurea o una facoltà e vuoi far conoscere le tue notizie, contatta la redazione.

“Nature Reviews Disease Primers” è  il titolo della pubblicazione dedicata ad ampie overviews in tutte le aree della Medicina

Il gruppo Nature ha tenuto a battesimo una nuova rivista, “Nature Reviews Disease Primers”, e per il numero inaugurale ha commissionato un importante lavoro sulla menopausa ad un gruppo di ricercatori internazionali tra i quali il professore Tommaso Simoncini Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa.

“Primers” è una pubblicazioni mirata ad offrire una quadro generale degli sviluppi futuri nel campo della medicina con l’obiettivo di orientare clinici e ricercatori. Scopo del comitato editoriale della rivista è di commissionare a gruppi internazionali di ricercatori leaders la scrittura di articoli su importanti tematiche cliniche che coprano gli aspetti epidemiologici, i meccanismi e fisiopatologia, la diagnosi e le tecniche di screening e prevenzione, fino al management di importanti patologie.

Tommaso Simoncini sulla rivista  Nature

“Questo lavoro sulla menopausa conferma il riconoscimento internazionale per le attività del nostro Ateneo e della Ginecologia pisana – ha detto  Tommaso Simoncini – da sempre la Clinica Ostetrica e Ginecologica diretta dal professore Angiolo Gadducci si è distinta in campo internazionale a livello scientifico e clinico. Aree come l’endocrinologia della riproduzione, la chirurgia avanzata ginecologica e l’oncologia ginecologica rappresentano punti di eccellenza per cui Pisa è conosciuta nel mondo”.

L’articolo sulla menopausa è liberamente accessibile sul sito della rivista o attraverso il link diretto alla rivista Nature.


© Riproduzione Riservata