• Google+
  • Commenta
31 Gennaio 2019

Esenzione contributo annuale Unict per studenti vittime del terremoto

Elezioni Europee 2014 - Unict
Esenzione contributo a Unict

Esenzione contributo a Unict

Si potrà chiedere l’esenzione contributo annuale a Unict per gli studenti vittime del terremoto del 26 dicembre e che hanno ricevuto danni alle proprie abitazioni.

Gli organi di governo dell’Università di Catania si sono espressi favorevolmente sulla richiesta di esenzione contributo annuale. L’istanza era stata presentata dalla rappresentanza studentesca in Senato accademico e in Consiglio di amministrazione.

Si chiedeva di prevedere l’esenzione dal pagamento del contributo annuale, previsto per l’anno accademico corrente 2018-19.

L’esenzione è stata applicata per quegli studenti le cui abitazioni di residenza hanno subito danni diretti causati dal terremoto della notte del 26 dicembre. Sisma che ha colpito il territorio di numerosi comuni della provincia di Catania.

Esenzione contributo annuale Unict anno 2018-2019: come fare e dove trovare il modulo

Ecco come fare a presentare domanda per chiedere l’esenzione al pagamento di queste tasse dell’Università di Catania. Documentazione necessaria e data entro la quale chi ha diritto potrà presentare domanda. Questa potrà essere fatta solo dal sito ufficiale dell’Ateneo.

Per accedere al beneficio, gli studenti interessati dovranno compilare uno specifico modulo di richiesta di esenzione. Pubblicato nella sezione Didattica-Modulistica del sito dell’Ateneo Unict.

Consegnarlo al settore carriere studenti di afferenza del proprio corso di studi entro il 28 febbraio 2019. Alla domanda dovranno allegare l’ordinanza del Sindaco del comune dell’abitazione di residenza e la documentazione rilasciata dai Vigili del Fuoco.

Gli studenti che presenteranno tale richiesta non dovranno pertanto procedere al pagamento della II rata (scadenza 10 febbraio). Ma dovranno attendere gli esiti della richiesta, ovvero il ricalcolo del contributo che verrà effettuato dopo il 28 febbraio, e l’azzeramento degli importi.

Qualora l’esenzione risultasse non dovuta, non si procederà all’azzeramento dell’importo. Lo studente sarà chiamato a pagare la II rata. Entro il 10 marzo senza addebito di mora. Oltre il 10 marzo sarà applicata la mora del 15% come previsto dalla Guida dello studente 2018-19.

Google+
© Riproduzione Riservata