• Google+
  • Commenta
18 Gennaio 2019

Orizzonti in Medicina e Biologia: Scuola Superiore Sant’Anna

Differenze tra l’astrofisica e l’astronomia all'Università di Pisa
Orizzonti in Medicina e Biologia: Scuola Superiore Sant'Anna

Orizzonti in Medicina e Biologia: Scuola Superiore Sant’Anna

Partono i seminari del ciclo Orizzonti in Medicina e Biologia alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Ecco di cosa si tratta , quando e come partecipare ai seminari di Medicina della Scuola Superiore Sant’Anna.

Ad aprire il ciclo di seminari il prof. Josef Brugada, che ha dato il nome all’omonima sindrome cardiaca.

Giovedì 24 gennaio ore 12.00, con la partecipazione del prof. Vincenzo Lionetti, coordinatore “Orizzonti in Medicina e Biologia”.

Primo appuntamento del ciclo di seminari della Classe di Scienze Sperimentali “Orizzonti in Medicina e Biologia”.

Con il coordinamento scientifico di Vincenzo Lionetti, professore di Anestesiologia all’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’AnnaOspite d’eccezione Josep Brugada, professore di Medicina dell’Università di Barcellona e direttore dell’Unità di Aritmia Pediatrica all’ospedale San Giovanni di Dio. 

Durante l’incontro con la stampa, condotto dal prof. Lionetti, il prof. Josep Brugada sarà a disposizione dei colleghi giornalisti.

Orizzonti in Medicina e Biologia: Scuola Superiore Sant’Anna. Dettagli dell’incontro di apertura

Il ciclo di seminari è parte della ricca offerta formativa dedicata agli allievi ordinari di Medicina della Scuola Superiore Sant’Anna.

I relatori sono scienziati selezionati esclusivamente sulla base del loro contributo al progresso della ricerca medica.

L’incontro con il prof. Josep Brugada, si terrà alle ore 18.00 di giovedì 24 gennaio, in Aula Magna. Sarà l’occasione per ripercorrere 30 anni di progressi continui nella cura di quella particolare malattia elettrica del cuore scoperta, per la prima volta, dal medico catalano.

“Il nostro ciclo seminariale – commenta Vincenzo Lionetti nel presentare la nuova edizione – ha l’unico scopo di formare i medici-ricercatori del futuro attraverso il confronto con la testimonianza di uomini straordinari. Persone  che hanno deciso di porsi delle domande e di dedicare la loro vita alla silenziosa verità della scienza medica, spesso attingendo a una naturale inclinazione e respingendo ogni pretesa di assolutezza. Sapendo che la conoscenza è perfettibile, non deve scandalizzare la scelta di un confronto come strumento educativo al sapersi porre domande sulla verità, purché questo sia fatto nel pieno rispetto dell’ammalato, della malattia, del metodo scientifico e del talento di chi prenderà il testimone della ricerca. Il prof. Josep Brugada inaugurerà questa nuova edizione di “Orizzonti in Medicina eBiologia” narrando le sue risposte ad una domanda, purtroppo, attuale: come si può prevenire la morte improvvisa?”.

Google+
© Riproduzione Riservata