Oroscopo Ariete Novembre 2020: mese con alti e bassi

Daniela Saraco 7 Novembre 2020

Ecco le indicazioni dell'oroscopo Ariete Novembre 2020: segui i consigli e scopri se questo mese sarai fortunato in amore o nel lavoro.

CLICCA SEGNO E PREVISIONI DEL GIORNO

Ariete
Ariete
Toro
Toro
Gemelli
Gemelli
Cancro
Cancro
leone
Leone
vergine
Vergine
bilancia
Bilancia
scorpione
Scorpione
sagittario
Sagittario
capricorno
Capricorno
acquario
Acquario
pesci
Pesci

Ecco tutte le previsioni mensili del segno di Fuoco.

Il segno dell’Ariete è grintoso di natura ma nel mese di Novembre con Marte in  favore, è pieno di energia! E allora il tempo sembra sempre poco per le vostre continue idee e i  numerosi progetti. Osate, è il momento giusto per farlo! Usate il  carattere forte per realizzare i sogni rinchiusi da tempo nel cassetto. Attenzione, però, usate le vostre forze e non aspettatevi dagli altri ciò che voi, invece, fate per loro.

Il Sole in Scorpione potrebbe generare qualche confusione. Concentratevi sulle cose da fare e portatele a termine in modo ordinato senza lasciarvi sopraffare dalla  voglia di perfezione. Per l’oroscopo Ariete novembre 2020 dovete affidarvi alle vostre capacità per superare qualche piccolo imprevisto. La vostra forza e la vostra  vitalità devono essere i vostri punti forti!

Oroscopo Ariete Novembre 2020: tensioni lavorative e nello studio durante il mese

Questo mese è influenzato da Venere. Avete bisogno di capire che la perfezione non esiste, dunque concedetevi qualche attimo di relax ed ascoltate chi vi è vicino. Abbassate l’armatura e scoprite il cuore, anche nelle  debolezze. Chi vi ama non ha paura di vedervi fragile. Solo così potete evitare discussioni inutili. Fidatevi delle  intuizioni ma cercate la calma interiore. Imparate a dare spazio ai  cari e a fidarvi di loro.

Nel lavoro il mese di Novembre, come segnalano diversi esperti di astrologiaappare molto impegnativo. Va bene portare a termine i compiti professionali ma non trascurate la famiglia e l’amore. L’oroscopo Ariete Novembre 2020 sul piano professionale, vi vede come instancabili lavoratori, dei stacanovisti, ma attenzione a strafare! Se è pur vero che amate  le competizioni e le sfide, siete dei leader, è arrivato il momento di evitare le tensioni.

Mettete da parte, quindi, un po’ di energia. Solo così potrete fare ordine nella  mente e gestire le precedenze. Seppure non amate particolarmente il grigiore autunnale e la vostra sensibilità in questo momento storico vi rende tristi, avete dalla vostra parte l’influenza dei pianeti energici che vi trasformeranno in una carica vitale! La vostra  vivacità e la vostra  esuberanza vi portano alla  continua ricerca di nuove avventure. Odiate la monotonia della quotidianità ma attenzione a non esagerare!

© Riproduzione Riservata
avatar Daniela Saraco Sona una donna, una madre, una docente. Scrivo di scuola e di formazione perché è il mio mondo quotidiano. La Direzione di Controcampus mi ha affidato la rubrica sulla scuola, per aiutare a capire meglio le notizie che raccontano la realtà scolastica, con pochi e semplici passaggi: • Cronaca, ossia il racconto dei fatti interessanti accaduti nel mondo della scuola • Inchiesta, è l'approfondimento di un tema attraverso ricerche e interviste. • Intervista, è interessante fare due chiacchiere con una persona particolare che ci può raccontare un'esperienza o una sua opinione. Perché è così difficile raccontare la scuola sui giornali? Perché è difficile trovare giornalisti davvero specializzati nel settore, che ha le sue caratteristiche peculiari e anche il suo lessico giuridico. Far scrivere un articolo sulla scuola a qualcuno che non sa cosa sia un PTOF, ignora le direttive delle ultime circolari ministeriali, non conosce la differenza fra un concorso abilitante per entrare in ruolo e uno aperto solo agli abilitati è come affidare la spiegazione di un discorso finanziario a un giornalista che non mastica neppure i termini base dell'economia. Gli articoli che riguardano la scuola e i suoi problemi, solitamente, nelle redazioni ormai sono affidati in molti casi a cronisti generici. Questo perché, mancando pagine specializzate e un interesse continuativo per il settore, l'articolo parte quasi sempre da un fatto specifico di cronaca spicciola avvenuto in tale o tal altro istituto, e che viene portato a conoscenza dei media da persone estranee alla scuola stessa. Io, invece, essendo ferrata sulle normative del settore e sui termini tecnici e avendo una memoria storica consolidata di quanto è avvenuto in precedenza, racconto episodi e avvenimenti di cui capisco la reale sostanza. Una scuola non ha un ufficio stampa o un addetto ai rapporti con i media, il Ministero non interviene se non con scarni comunicati che riguardano cose sue, i Presidi si trovano a dover rispondere a domande che rischiano di toccare particolari aspetti della privacy degli alunni e che, se rivelati incautamente, possono avere pesanti ripercussioni sulle vite di ragazzi spesso minorenni. Ecco perché risulta importante e necessario far scrivere di scuola a chi la scuola la fa! Leggi tutto