• Google+
  • Commenta
26 febbraio 2014

Cà Foscari Unive fra mostre e proiezioni



Università “Cà Foscari” di Venezia – Un ricco cartellone di eventi all’Unive nell’ambito della ‘Missione culturale russa a Venezia’. Il primo marzo a CFZ inaugura l’esposizione Sergej Ejzenštejn. Disegni dall’Archivio di Letteratura e Arte di Mosca

Unive

Unive

L’università Cà Foscari Unive fra mostre e proiezioni per festeggiare i 90 anni di mosfilm a venezia

La rassegna cinematografica dell’Unive comincia il primo marzo a CFZ e termina il 5 marzo al Rossini con ‘Essi combatterono per la patria’

L’Università Ca’ Foscari Unive in collaborazione con lo CSAR –  Centro Studi sulle Arti della Russia, celebra i 90 anni di Mosfilm, famosa casa di produzione russa con sede a Mosca, con una settimana eccezionale ricca di eventi che si colloca nell’ambito della “Missione culturale russa a Venezia” promossa dalla Direzione dei Programmi Internazionali di Mosca.

La Mostra dell’Unive- Sergej Ejzenštejn Disegni

Negli spazi dell’Unive Zattere – Cultural flow zone la mostra Sergej Ejzenštejn. Disegni, dalla collezione dell’Archivio di Stato Russo di Letteratura e Arte di Mosca aperta dal 2 marzo al 13 aprile 2014.

L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 1 marzo 2014 alle ore 18.00. In occasione dell’inaugurazione verrà proiettato alle ore 19.00 il film del 1925 “La corazzata Potemkin” diretto dallo stesso Ejzenštejn.

La mostra Unive illustra un aspetto poco noto della ricca produzione artistica del regista sovietico. Ejzenštejn si dedica al disegno sin dall’infanzia e durante la lavorazione delle pellicole “Aleksandr Nevskij” e “Ivan il Terribile”, realizza più di 700 disegni, tra studi di inquadrature e di personaggi. I disegni proposti in questa occasione sono conservati a Mosca, nel fondo “Sergej Ejzenštejn” presso l’Archivio di Stato Russo di Letteratura e Arte e costituiscono solo una parte dell’eredità artistica del regista.

La rassegna Cinematografica dell’Unive

Dopo la proiezione inaugurale del 1 marzo a CFZ, da lunedì 3 marzo, al cinema Rossini, si terrà la rassegna cinematografica gratuita “90 anni di Mosfilm” con la collaborazione di Cafoscaricinema Unive.

I biglietti saranno da domani 27 febbraio in distribuzione gratuita presso la biglietteria del Cinema Rossini.

Programma

 

  • 1 marzo, cfz Unive Zattere
    • 19.00 «La Corazzata «Potemkin» Regia: S. Ejzenštejn URSS, 1925, 75 min.
  •  3 Marzo, Cinema «Rоssini»
    • 18.00 «L’amore In Unione Sovietica» Regia: Karen Shakhnazarov Russia, 2012, 89 min.
    • 21.00 «Reparto N. 6» Regia: Karen Shakhnazarov Russia, 2009, 83 min.
  •  4 Marzo, Cinema «Rоssini»
    • 18.00 «Alcuni Giorni Di Vita Di Oblomov» Regia: Nikita Mikhalkov URSS 1979, 143 min.
    • 21.00 «Ballata Di Un Soldato» Regia: Grigorij Chukhraj URSS, 1959, 89 min.
  •  5 Marzo, Cinema «Rоssini»
    • 18.00 «Dеrsu Uzаlа» Regia: Akira Kurosawa URSS, Giappone, 1975, 144 min.
    • 21.00 Essi Combatterono Per La Patria Regia: Sergej Bondarčuk URSS, 1975, 160 min.
  •  5 Marzo, Cfz Unive Zattere
    • 19.00 «Spаrтаco» Regia: Vadim Derbenev, Jurij Grigoroviсh URSS, 1975, 94 min.

Tutte le proiezioni sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti. CFZ – Cultural Flow Zone, Zattere al Pontelungo, Dorsoduro 1392, 30123 Venezia. Multisala Rossini, Calle de la Mandola, San Marco 3997/A, Venezia,

Altre iniziative della missione culturale russaNell’ambito della “Missione culturale russa a Venezia” promossa dalla Direzione dei Programmi Internazionali di Mosca, lunedì 3 marzo alle ore 20.30 il Teatro Goldoni di Venezia ospita un evento di eccezione: From Siberia with… un emozionante e travolgente spettacolo di canto, ballo e folklore con il Coro popolare di Stato della città di Omsk diretto da Alexander Zobov. Tra i più famosi cori popolari nazionali, conosciuto in tutto il mondo come un autentico simbolo della cultura nazionale russa, il coro di Omsk dal 1950 ha incantato il pubblico di oltre trenta Paesi con musiche, acrobazie ed effetti spettacolari, vincendo concorsi e festival internazionali.

Nei foyer del Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone martedì 4 marzo 2014 sarà inaugurata la mostra Ritratti- Portraits fotografie di Sergey Bermeniev. Bermeniev fa parte dell’élite mondiale dei fotografi ritrattisti e già dalla fine degli anni ’70 nel suo portfolio entrano le immagini di illustri personaggi del mondo della cultura russa e internazionale. La mostra che rientra nel progetto PhotoInScena, nasce dalla collaborazione fra il Teatro, l’Università Ca’ Foscari e il Ministero della cultura russa; proseguirà fino al 12 aprile e sarà visitabile in occasione degli spettacoli e dell’iniziativa Foyer Aperti. Da metà aprile la mostra si trasferirà a Venezia a CFZ Cultural Flow Zone.

Si potranno ammirare  ritratti di artisti appartenenti alla cultura americana come Meryl Streep, Quentin Tarantino, Tina Turner e Allen Ginsberg, in un gioco di luci e ombre che caratterizza la produzione del grande fotografo russo. Info. Comunale Giuseppe Verdi, 0434 247624

«Моsfilm» è la principale casa cinematografica della Russia. Essa si occupa di tutta la produzione cinematografica, televisiva e video. La capacità di produzione dei propri studi supera i cento film all’anno. «Моsfilm» produce, distribuisce e vende prodotti cinematografici, televisivi e video е fornisce servizi relativi all’intero ciclo di produzione, dalla sceneggiatura alla realizzazione di copie pronte per la proiezione.

La maggior parte dei film è girata presso gli studi di «Моsfilm» da grandi registi russi, tra cui V. Abdrashitov, S. Govorukhin, G. Danelia, S. Druzhinina, V. Menshov, V. Naumov, G. Panfi lov, S. Soloviev, A. Surikova e A. Eshpay.

«Моsfilm» nasce dalla Prima e dalla Terza officina cinematografica, fondate nel 1919 in seguito alla nazionalizzazione degli studi di proprietà di grandi produttori come Аlexander Khanzhonkov e Iossif Еrmoliev. La storia di «Моsfilm» inizia il 30 gennaio 1924 con l’uscita del suo primo film, «Sulle ali in alto», diretto da B. Мikhin.

Nel 1947 fu bandito per volontà di Stalin un concorso per la progettazione dell’emblema di Mosfilm, da mostrare in apertura di ogni pellicola, poi vinto dal gruppo scultoreo di Vera Mukhina «La contadina e l’operaio», ripreso davanti alla Torre Spasskaja del Cremlino.

In novant’anni di attività «Моsfilm» ha prodotto più di 2500 lungometraggi. In diverse epoche vi hanno lavorato eminenti registi i cui film fanno ora parte del patrimonio russo e mondiale dell’arte cinematografica. Tra questi S. Ejzenštejn, А. Dovzhenkо, V. Pudovkin, I. Pyriev, G. Аlexandrov, М. Rоmm, G. Chukhraj, М. Kаlatozov, S. Bondarčuk, А. Таrkovskij, L. Gaidaj e molti altri.

Negli ultimi dieci anni «Моsfilm» si è dedicata al riammodernamento tecnico dei propri impianti. Sono stati portati a termine grandiosi lavori di ricostruzione degli studi e dei padiglioni,

attrezzati con tecniche all’avanguardia e conformi ai requisiti più moderni. Apparecchiature digitali d’ultima generazione sono state installate presso i nuovi studi di registrazione di Mosfilm, i primi al mondo a ottenere nel 2006 il certificato di qualità Dolby Premier Studio assegnato da Dolby Laboratories.

L’utilizzo di nuove apparecchiature presso «Моsfilm» garantisce la realizzazione di tutte le fasi di montaggio di film e video, di telecopiatura e digital design. Presso «Моsfilm» sono stati aperti i musei del costume storico, degli oggetti e dei mezzi di trasporto d’epoca, unici al mondo nel loro genere. «Моsfilm» è l’unico studio al mondo che è riuscito a conservare il proprio fondo cinematografico, portando avanti un enorme lavoro di restauro di pellicole del proprio archivio. «Моsfilm» partecipa attivamente ai festival di cinema russo organizzati in tutto il mondo, organizzando sia in Russia che all’estero manifestazioni come retrospettive cinematografiche.

«Моsfilm» occupa più di 1200 addetti ai lavori: si tratta di una vera e propria impresa di dimensioni industriali all’interno del sistema cinematografico russo.

Dopo aver superato la crisi degli anni Novanta, gli studi sono riusciti non solo a preservare le tradizioni e le maestranze cinematografiche, ma anche a diventare un’impresa molto redditizia, i cui introiti si sono decuplicati.

Oggi «Моsfilm» presenta tecnologie all’avanguardia, una ricca produzione cinematografica, un team di grande professionalità e collezioni uniche. Tutto questo permette a “Моsfilm” di occupare di diritto il primo posto nell’industria cinematografica russa apportando un enorme contributo alla rinascita della cinematografia nazionale.

Direttore generale e presidente del Consiglio di amministrazione di «Моsfilm» è Karen Georgievich Shakhnazarov.

Sergej Ejzenštejn (1898 – 1948) è stato un eminente regista sovietico e teorico del cinema. Il suo nome è entrato nella storia della cultura mondiale come autore di film rivoluzionari e innovativi tra cui molti conosciuti in tutto il mondo, come “La corazzata Potemkin” (1925), “Ottobre” (1927), “Aleksandr Nevskij” (1938) e “Ivan il Terribile” (Parte I – 1945, Parte II – 1958).

Sergej Ejzenštejn è probabilmente il più importante teorico nella storia del cinema. La sua produzione artistica è segnata da ricerche ed esperimenti audaci, incentrati sul problema dell’espressività nell’arte. È autore di numerosi articoli teorici nel campo cinematografico, dedicati allo studio del montaggio, della composizione dell’inquadratura e del colore, che lo hanno portato a elaborare un “cinema intellettuale”.

La mostra presentata nell’ambito del festival illustra un aspetto poco noto della sua ricca produzione artistica. Ejzenštejn si dedica al disegno sin dall’infanzia. Negli anni del servizio militare partecipa all’allestimento di spettacoli dilettantistici, mentre nell’ambito del teatro professionistico realizza i primi bozzetti per i costumi dello spettacolo “Il messicano”. Tra il 1920 e il 1923 realizza più di 300 bozzetti teatrali. In seguito, realizza una serie di disegni sul Messico, su temi biblici ed evangelici, nonché su soggetti letterari e mitologici. Durante la lavorazione delle pellicole “Aleksandr Nevskij” e “Ivan il Terribile”, Ejzenštejn realizza più di 700 disegni, tra studi di inquadrature e di personaggi.

La prima esposizione dei suoi lavori è organizzata nel 1957 a Mosca, quindi nell’autunno dello stesso anno anche in Polonia. I suoi disegni vengono poi esposti in Francia, Italia, Gran Bretagna, Germania, USA e Canada.

I disegni proposti in questa occasione sono conservati a Mosca, nel fondo “Sergej Ejzenštejn” presso l’Archivio di Stato Russo di Letteratura e Arte e costituiscono solo una parte dell’eredità artistica del regista


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy