• Google+
  • Commenta
4 aprile 2014

Scuola Interateneo di Specializzazione in Beni Archeologici Units

Università degli Studi di Trieste – Inaugurazione del V° Ciclo ad Aquileia della Scuola Interateneo di Specializzazione in Beni Archeologici Units

Lunedì 7 aprile, alle ore 9.30, presso l’Associazione Nazionale per Aquileia, in Casa Bertoli, uno storico edificio medievale di Aquileia, in via Patriarca Poppone 6, avrà luogo l’inaugurazione del V° Ciclo della Scuola Interateneo di Specializzazione in Beni Archeologici Units.

Questo corso di formazione post lauream, l’unico di ambito umanistico incardinato nell’Units, costituisce una buona dimostrazione di quali risultati si possano conseguire grazie all’interazione tra le Units, Udine e Venezia-Cà Foscari.

Infatti, nella Scuola di Archeologia Units confluiscono consolidate professionalità di ambito archeologico, nelle sue molteplici articolazioni, in grado di garantire insegnamento e ricerca di elevato profilo per ciascuno dei quattro curricula previsti: preistorico/protostorico, classico, tardo antico/medievale e orientalistico.

A tale proposito, questa Scuola Interateneo Units è una delle sole tre in tutta Italia a proporre e garantire la specializzazione nei quattro profili previsti della normativa. Ne deriva che le domande di ammissione sono cresciute nel corso degli ultimi quattro anni, passando dalle iniziali tre ammissioni del 2009 alle attuali 23. Il tema delle ammissioni, poi, risulta un valido indicatore delle motivazioni che inducono un cospicuo numero di laureati da tutta Italia a scegliere questa Scuola Interateneo Units per la loro formazione professionalizzante. Infatti, il confronto tra la percentuale di ammissioni rispetto alle domande e ai posti disponibili risulta nel nostro caso il più basso in assoluto. L’anno scorso le domande per sostenere le prove di ammissione furono 38 mentre gli ammessi furono 23, pur avendo 30 posti disponibili. Ci sembrano, questi numeri, indicativi di rigore e di serietà.

A questo si accompagnano un’offerta didattica e proposte di ricerca molto ampie all’Units. Sulla base dell’indirizzo scelto, gli specializzandi possono scegliere esperienze di scavo non solo in Italia (Aquileia, Castelli del Friuli Venezia Giulia, Sicilia) ma anche in Georgia, in Sudan, in Grecia-Acaia, nel Kurdistan Iracheno, solo per citare alcuni dei siti più rilevanti. La scuola, inoltre, organizza corsi/laboratori sull’utilizzo dei processi informatici nella catalogazione, per il disegno e la fotografia dei reperti, per georeferenziare uno scavo o un sito, per la conoscenza della legislazione del settore archeologico, per la valorizzazione secondo i vari target di utenza del dato archeologico senza dimenticare l’acquisizione delle abilitazioni previste per la sicurezza in un cantiere. A una così variegata e impegnativa organizzazione si applicano tutti i colleghi delle tre Università consorziate, Trieste, Udine e Venezia.

Di tutto questo si parlerà nella giornata inaugurale del V° Ciclo, quest’anno organizzata a cura dell’Units. Per sottolineare l’accreditamento della Scuola in ambito nazionale (possibile una verifica diretta attraverso i giudizi in Facebook) e per ribadire l’attenzione all’archeologia dell’Ateneo Tergestino, all’inaugurazione sarà presente il Magnifico Rettore prof. Maurizio Fermeglia. Interverranno altresì Gianni Torrenti, Assessore Regionale alla cultura, sport e solidarietà, e Luigi Fozzati, Soprintendente Archeologo – Soprintendenza Archeologica del Friuli Venezia Giulia. Parteciperanno al saluto di inizio anno accademico Marina Sbisà, direttrice del DiSU-UniTS; Elisabetta Vezzosi, delegata Formazione Post Lauream del DiSU-UniTS, Simonetta Minguzzi, Coordinatrice del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale di UniUD, Filippo Maria Carinci, direttore della Scuola Dottorale Interateneo di Venezia-Cà Foscari. Autorità e specializzandi saranno accolti in Casa Bertoli da Mauro Favari, presidente della quasi secolare Associazione Nazionale per Aquileia.

Dopo la cerimonia inaugurale il prof. Giuliano Volpe, Membro del Consiglio Superiore del MiBACT e già Rettore dell’Università di Foggia, archeologo di fama internazionale, terrà la prolusione dedicata ad “Archeologia, Beni Culturali, Paesaggio, Società: tra Conservazione e Innovazione”.

Dall’8 aprile e fino al 24 maggio specializzandi e docenti saranno impegnati nelle attività didattiche, di laboratorio e seminariali a pieno tempo, dal lunedì al sabato compreso: stare ad Aquileia sarà ad un tempo impegnativo ma anche stimolante per la diretta vicinanza ai reperti e alle aree di scavo di una delle più importanti città dell’impero romano.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy