• Google+
  • Commenta
22 luglio 2014

Centro Studi Ligabue e Unive sulle tracce degli uomini d’oro in Kazakhstan

Scavi Centro Studi Ligabue e Unive

Università “Cà Foscari” di Venezia – Per il terzo anno consecutivo il Centro Studi Ligabue e l’Università Ca’ Foscari Venezia organizzano una spedizione archeologica in Kazakhstan “sulle tracce degli uomini d’oro

Scavi Centro Studi Ligabue e Unive

Scavi Centro Studi Ligabue e Unive

Gli scavi del Centro Studi Ligabue e Unive si terranno fra luglio e agosto lungo la Valle dei Sette Fiumi

Parte in questi giorni la terza campagna archeologica del Centro Studi Ligabue e dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

Gli scavi del Centro Studi Ligabue e Unive verranno effettuati fra luglio e agosto 2014 lungo la Valle dei Sette Fiumi nella parte meridionale del Kazakhstan e sarà condotta dal Centro Studi e Ricerche Ligabue, con l’Università Ca’ Foscari Venezia e la collaborazione con il Centro Studi e Ricerche della storia e archeologia Begazy-Tasmola di Almaty.

La spedizione del Centro Studi Ligabue e Unive

Alla spedizione del Centro Studi Ligabue e Unive prenderanno parte l’archeologa dottoressa Elena Barinova, responsabile per il Centro Studi Ligabue che – assieme al professor Beisenov guiderà la missione. L’Università di Ca’ Foscari invierà sul sito il dottor Lorenzo Crescioli (con borsa di studio cofinanziata) e il laureando in archeologia Nicola Fior.

La regione della Valle dei Sette Fiumi fu abitata nell’età del Ferro da popolazioni di origine indoeuropea chiamate Sciti (o Saka) diventate celebri per i numerosi tumuli reali, i “kurgan”, disseminati nel territorio.

Le indagini svolte negli anni precedenti dal Centro Studi Ligabue e Unive hanno evidenziato le tracce di strutture funerarie e di riti funebri mai prima documentati, che riguardano la sepoltura di nobili Saka con notevoli corredi di oggetti d’oro e di ferro

ll Centro Studi Ligabue ha avviato ricerche archeologiche in Kazakhstan fin dal 1997. Nel 2000, nella regione dell’Altai (estremo oriente del paese), ha partecipato ad un’importante scoperta: una tomba ghiacciata risalente a 25 secoli fa dove sono stati rinvenuti, perfettamente conservati 12 cavalli, selle ricamate, stoffe preziose ed il legno finemente inciso che facevano parte del corredo funebre. Gran parte di questi ritrovamenti sono oggi esposti nei musei di Almaty ed Astana

L’Università Ca’ Foscari – che a supporto dell’archeologia ha creato uno specifico fondo di finanziamento (100mila euro per il 2014) – ha avviato numerose spedizioni in siti che vanno dalla Siria alla Georgia al Montenegro fino alla Grecia e all’Egitto. Rilevanti anche le scoperte effettuate nelle campagne di archeologia subacquea.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy