• Google+
  • Commenta
7 novembre 2014

Eventi aleatori e senso della probabilità nella ricerca Iuav di Venezia

Campionati internazionali giochi matematici

Ricerca eventi aleatori

Ricerca eventi aleatori

La percezione della probabilità e degli eventi aleatori è spontanea e universale.

Lo conferma per la prima volta una ricerca sul senso della probabilità condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università Iuav di Venezia, del CNRS di Marsiglia e dell’Università di Trento, coordinati da Vittorio Girotto

La capacità di valutare le probabilità è universale.

Gli esseri umani condividono una capacità elementare di ragionare sugli eventi incerti, indipendentemente dalla loro cultura e istruzione.

Lo conferma per la prima volta una ricerca pubblicata il 4 novembre dalla prestigiosa rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”, a firma di Vittorio Girotto e colleghi dell’Università Iuav di Venezia, del CNRS di Marsiglia e del CIMeC dell’Università di Trento.

Eventi aleatori e senso della probabilità: la ricerca dell’Università di Verona

Lo studio ha analizzato due gruppi di indigeni maya del Guatemala, tutti privi delle più elementari conoscenze scolastiche. Questi indigeni dovevano fare scommesse su eventi aleatori. Per esempio, dovevano, puntare sull’estrazione di un gettone di un dato colore da un sacchetto contenente gettoni di due colori diversi. Ebbene, le loro prestazioni sono risultate corrette tanto quanto quelle di bambini, maya e europei, scolarizzati e di adulti europei. La ricerca è stata condotta da un’assegnista dell’Università Iuav di Venezia, Laura Fontanari, che ha vissuto per un anno in zone remote del Guatemala.

«L’obiettivo di questa ricerca era stabilire se gli esseri umani, compresi quelli privi di istruzione formale, possiedono una sorta di ‘senso del caso’ cioè se sanno valutare, in modo implicito e non numerico, il verificarsi di eventi – afferma il prof. Girotto, docente di Fondamenti di psicologia generale e Psicologia del pensiero presso l’Università Iuav di Venezia – I risultati ottenuti suggeriscono che, oltre a una conoscenza geometrica e aritmetica elementare, la mente umana possiede anche una conoscenza probabilistica elementare».

Due secoli fa Laplace aveva sostenuto che la teoria della probabilità non è altro che buon senso ridotto a calcolo. Oggi, lo studio coordinato da Vittorio Girotto sembra dar ragione a Laplace.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy