• Google+
  • Commenta
21 gennaio 2015

Accordo Unicam – Aicu per attività di Formazione e Ricerca

Accordo Unicam – Aicu


Università degli Studi di Camerino – Presentato Accordo Università di Camerino – Associazione Italiana Carlo Urbani – Aicu – per attività di Formazione e Ricerca

 Accordo Unicam – Aicu

Accordo Unicam – Aicu

Attività di formazione, sviluppo tecnologico e innovazione, ricerca e proposte culturali, corsi destinati a medici e operatori sanitari residenti e attivi nei Paesi in via di sviluppo. Questo, in sintesi, è il contenuto dell’accordo firmato questa mattina in Rettorato, tra l’Università di Camerino e Aicu l’Associazione Italiana Carlo Urbani Onlus finalizzato a mantenere e a sviluppare proficui rapporti di collaborazione tra le due istituzioni seguendo il lascito professionale e umano di Carlo Urbani, medico marchigiano scomparso nel 2003, dopo aver bloccato la micidiale Sars – sindrome acuta respiratoria grave.

Cerimonia di presentazione dell’accordo Unicam – Aicu

Alla cerimonia per la presentazione dell’accordo hanno partecipato, insieme al Rettore Unicam Prof. Flavio Corradini e al Presidente dell’Aicu Emilio Amadio, firmatari del documento, il pro Rettore Vicario Unicam, Prof. Claudio Pettinari, e il figlio di Carlo Urbani, Tommaso.

“La nostra Università – ha sottolineato il Rettore Unicam, Prof. Flavio Corradini – è costantemente impegnata a promuovere collaborazioni nel campo della ricerca, della didattica e della cultura con soggetti pubblici e privati che abbiano competenze nelle aree culturali presenti presso l’Ateneo e questo accordo consente di attivare e rafforzare collaborazioni per lo svolgimento di tirocini, stage, elaborati di tesi e attività formative, anche nel campo farmaceutico – sanitario e degli enti no-profit. In particolare è prevista la possibilità di finanziamento di borse di studio intitolate al dottor Carlo Urbani destinate a coloro che si dedicano allo studio, alla prevenzione e alla cura delle malattie infettive e parassitarie. Altre azioni riguarderanno la promozione, il finanziamento e il perfezionamento di corsi di formazione nel settore delle malattie infettive e parassitarie. I corsi saranno destinati a medici e operatori sanitari residenti e attivi nei Paesi in via di sviluppo”.

“La convenzione tra Unicam e Aicu – ha dichiarato Emilio Amadio, presidente dell’Associazione Italiana Carlo Urbani Onlus – è un importantissimo passo che avvicina la figura di Carlo Urbani alle nuove generazioni, sia italiane che straniere, ed è la prima importante decisione del nuovo direttivo che presiedo. L’obiettivo della convenzione è lo sviluppo e il sostegno di attività formative, di ricerca, di innovazione tecnologica e di proposte culturali, scientifiche o divulgative, in sintonia con il lascito professionale e umano di Carlo Urbani. Partiremo con una giornata dedicata a Carlo e rivolta a tutti gli studenti Unicam, si approfondirà in seguito con giornate di studio e informazione sulla cooperazione internazionale”.

Nato nel 1956 a Castelplanio (An), Carlo Urbani manifesta sin da giovanissimo amore per il prossimo, per i più deboli e per la dignità umana. Concretizza le sue aspirazioni, e divenuto medico infettivologo, segue il sogno di rendere “accessibile la salute ai dimenticati del mondo”. Svolge la sua professione in aree povere e remote, diventa consulente dell’OMS e opera come Medico Senza Frontiere. Nella veste di presidente MSF ritira ad Oslo, nel 1999, il Premio Nobel per la Pace e continua il suo impegno diretto come medico in Vietnam. Visitando un paziente ad Hanoi scopre la terribile SARS, lavora freneticamente, ricerca e indica procedure protettive contro il contagio, convince le autorità locali e internazionali ad attivarsi immediatamente. Il dottor Urbani riesce infine, con il suo sacrificio, a bloccare la temuta, micidiale, pandemia di SARS rimanendone purtroppo vittima il 29 marzo 2003.

L’Associazione Italiana Carlo Urbani (AICU) è nata per ricordare e onorare la figura del dottor Carlo Urbani, dal punto di vista umano, professionale e scientifico, e per continuarne l’opera attraverso la promozione e il finanziamento di studi e ricerche sulle malattie parassitarie ed infettive con iniziative, progetti e aiuti, di particolare interesse sanitario nei Paesi in via di sviluppo.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy