• Google+
  • Commenta
24 marzo 2016

Sprechi alimentari: ricerca Uniud nella riduzione degli sprechi

Ricerca Uniud negli sprechi alimentari
Ricerca Uniud negli sprechi alimentari

Ricerca Uniud negli sprechi alimentari

Prevenzione e riduzione degli sprechi alimentari: l’Università degli Studi di Udine nel progetto nazionale “Reduce”: ricerca biennale finanziata dal Ministero dell’ambiente.

All’Ateneo il compito individuare le principali cause dello spreco alimentare nella refezione scolastica

Contribuire a prevenire e ridurre gli sprechi alimentari a livello nazionale grazie ai risultati della ricerca scientifica e ad attività di educazione e di sensibilizzazione sociale. È l’obiettivo del progetto “Reduce” che vede la partecipazione delle università di Udine, Bologna (capofila), della Tuscia di Viterbo, del Politecnico di Milano e dell’Unità locale socio sanitaria (Ulss) 20 di Verona. Il progetto, di durata biennale (2016-2017), è finanziato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. L’Ateneo friulano è impegnato con il gruppo di ricerca del Dipartimento di scienze economiche e statistiche, coordinato da Francesco Marangon e Stefania Troiano, che ha il compito di individuare le principali cause dello spreco alimentare nella refezione scolastica e determinare un modello di calcolo.

Il progetto Reduce, in particolare, intende: determinare origine ed entità degli sprechi alimentari, specie nella distribuzione, ristorazione e consumo domestico; integrare le misure di prevenzione degli sprechi alimentari nei piani regionali di prevenzione dei rifiuti; facilitare la donazione degli alimenti invenduti e delle eccedenze alimentari; favorire l’integrazione dei criteri di prevenzione degli sprechi alimentari nei bandi di gara pubblici per la ristorazione collettiva; contribuire all’adozione di buone pratiche di prevenzione nella distribuzione commerciale e nei servizi di ristorazione e catering; sensibilizzare bambini e consumatori sul tema dello spreco alimentare.

Prevenzione e riduzione degli sprechi alimentari: Uniud nel progetto nazionale “Reduce”

Per parte sua, il team dell’Università di Udine dovrà analizzare la tipologia degli sprechi prodotti nelle scuole; verificare i momenti in cui si vengono a formare le maggiori quantità; fornire un quadro delle situazioni che producono spreco nelle mense scolastiche; individuare i rimedi e ideare modelli di refezione scolastica a più bassa produzione di sprechi. Dovrà inoltre predisporre misure di sensibilizzazione ed educazione volte alla prevenzione e alla riduzione degli sprechi.

Per studiare i fattori che determinano lo spreco di cibo e il comportamento dei consumatori nel Nordest, a fine 2013 il gruppo di Marangon e Troiano ha condotto un’indagine presso un panel di 500 famiglie di Friuli Venezia Giulia e Veneto. Dalle risposte ai questionari somministrati alle famiglie è emerso, in particolare, che lo spreco all’interno delle mura domestiche dipende da precise abitudini d’acquisto, quali la spesa effettuata una volta alla settimana. Ma anche da alcune caratteristiche strutturali, perché si è evidenziato che lo spreco connota le famiglie più giovani e decresce all’aumentare dell’età dei rispondenti.

«Lo spreco di alimenti – spiegano Marangon e Troiano – non è solo un problema di cattiva volontà, ma dipende in buona parte dagli stili di vita imposti dalla moderna organizzazione della vita e del lavoro. Lo spreco non è insomma casuale, ma fa parte del sistema. Fondamentale, quindi, per evitare di avere in futuro una società portata allo spreco di cibo, informare e sensibilizzare le famiglie riportandole sulla via della sostenibilità».


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy