• Algeri
  • Andreotti
  • di Geso
  • Pasquino
  • Coniglio
  • Cocchi
  • Cacciatore
  • Miraglia
  • Chelini
  • Valorzi
  • Liguori
  • Bruzzone
  • Quaglia
  • Gnudi
  • Tassone
  • Scorza
  • Santaniello
  • Mazzone
  • Carfagna
  • Bonetti
  • Ward
  • Rinaldi
  • Napolitani
  • De Luca
  • Crepet
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Ferrante
  • Quarta
  • Gelisio
  • Alemanno
  • Falco
  • De Leo
  • Bonanni
  • Catizone
  • Paleari
  • Dalia
  • Casciello
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Grassotti
  • Baietti
  • Romano
  • Leone
  • Romano
  • Califano
  • Meoli

Incontro a “La Sapienza”: Da elettrici ad elette

11 Luglio 2006
.
31/07/2021

Più che mai attuale, il tema affrontato il 27 e 28 giugno scorsi nell’Aula Magna de “La Sapienza”, di cui il titolo è stato: “Da E Più che mai attuale, il tema affrontato il 27 e 28 giugno scorsi nell’Aula Magna de “La Sapienza”, di cui il titolo è stato: “Da Elettrici ad Elette - Dal diritto al voto alla cittadinanza piena”.

Il convegno è stato a carattere nazionale ed organizzato per i sessant’anni del suffragio universale. Un lungo dibattito, dunque, per tutto ciò che ha rappresentato il voto alle donne, un diritto inalienabile, che è stato l’arrivo di un lungo percorso di battaglie di tutte le cosidette “suffragette”, e per riconsiderare, dopo tanti anni trascorsi, il lungo percorso, che parte dal 1946 è arriva al 2006, che ha portato le donne alla conquista dei diritti politici e civili. Molte le donne di spicco nella nostra società che sono intervenute con le loro esperienze e riflessioni: il Ministro delle Pari Opportunità Barbara Pollastrini, il Magnifico Rettore Renato Guarini, l’Assessore della Regione Lazio per l’Istruzione e la Formazione Silvia Costa, l’Assessore della Regione Lazio per il Lavoro e per le Pari Opportunità Alessandra Tibaldi. Ha introdotto i lavori la Delegata del Rettore Renato Guarini per le Pari Opportunità, nel mondo accademico, la prof. Marisa Ferrari Occhionero. I temi sono stati molti: da “Le teorie suffragiste dell’Ottocento” di Ginevra Conti Odorisio, a “La battaglia per il voto nell’Italia liberale” di Anna Maria Isastia, le due studiose hanno affrontato dal punto di vista storico momenti importanti di presa di coscienza della figura della donna nella società; dopo la pausa di rito, ha riaperto i lavori la professoressa Marina D’Amelia, con il tema “La conquista del voto”, che come ricorda il titolo non è stata sicuramente una passeggiata, anzi, molte volte vi sono stati veri e propri scontri. Si è continuato a discutere dal punto di vista storico con Paola Gaiotti De Biase, che ha preso la parola discutendo de “Il voto delle donne nella storia della Repubblica”. Molte ed emozionanti le testimonianze che hanno portato quel tocco di veridicità ai racconti, ed importanti sono state quelle di: Tina Anselmi, Maria Eletta Martini e Giglia Tedesco. Ha anche dato importanti spunti di riflessione il preside Mario Morcellini. Dopo i ricordi e i contributi dei presenti, sono state proiettate immagini sul voto femminile. Nella giornata del 28 giugno, si è passati invece a temi più attuali “Oltre il voto: dall’appartenenza alla piena cittadinanza”, “Cultura e politica femminile e comportamento elettorale”, molti, dunque, i rimandi palesi e non, alle cosidette “quote rosa”, che in una democrazia vera e propria non dovrebbero sussistere.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata