• di Geso
  • Barnaba
  • Coniglio
  • Mazzone
  • Casciello
  • Bonetti
  • Pasquino
  • De Leo
  • Scorza
  • Ward
  • Andreotti
  • Liguori
  • Romano
  • Catizone
  • Paleari
  • Bruzzone
  • De Luca
  • Santaniello
  • Baietti
  • Chelini
  • Boschetti
  • Meoli
  • Rossetto
  • Carfagna
  • Falco
  • Cocchi
  • Tassone
  • Dalia
  • Miraglia
  • Romano
  • Buzzatti
  • Cacciatore
  • Califano
  • Rinaldi
  • Napolitani
  • Gelisio
  • Quarta
  • Gnudi
  • Alemanno
  • Bonanni
  • Valorzi
  • Leone
  • Algeri
  • Crepet
  • Grassotti
  • Quaglia

Zidane a Canal Plus: “Mi scuso ma non mi pento, ha offeso la mia famiglia”

13 Luglio 2006
.
18/04/2021

Dopo il brutto gesto nei confronti di Materazzi, mostrato a tutto il mondo nella finalissima dei Mondiali 2006 di Berlino, Zidane ha, durante un’i Dopo il brutto gesto nei confronti di Materazzi, mostrato a tutto il mondo nella finalissima dei Mondiali 2006 di Berlino, Zidane ha, durante un’intervista a Canal Plus, reso chiare le idee riguardo agli insulti ricevuti dal difensore della nostra nazionale: “Mi scuso ma non mi pento, perché mi ha insultato con parole molto dure ferendomi profondamente”.

“Ha insultato più volte le donne della mia famiglia. – continua il giocatore francese – Al primo insulto ho fatto finta di nulla, ma poi non ho resistito più ed ho reagito, sono un uomo”. Ed ancora: “Si guarda sempre alla reazione, senza mai sanzionare il vero colpevole che è colui che la provoca”.

Il capitano francese non ha voluto svelare poi l’enigma e pronunciare il fatidico insulto ricevuto, ma ha puntualizzato che non era di tipo razzista, come pubblicavano alcuni quotidiani stranieri nei giorni scorsi, che accusavano il giocatore italiano di aver pronunciato la parola “Terrorista”. Quindi, per fortuna, svanisce anche quella remota possibilità di vedere revocato all’Italia il titolo Mondiale per comportamento razzista, cosa severamente vietata dal regolamento Fifa.

Secondo il tabloid inglese The Mirror, durante la giornata aveva parlato anche la madre di Zidane (Malika) che dichiarava: “Sono disgustata per le cose dette da Materazzi a Zinedine e, se veramente le ha dette, voglio i suoi testicoli su un piatto”. Dunque parole durissime nei confronti del calciatore italiano. Ancora la signora Zidane: “Non dovrebbero esistere cose del genere, né in campo, né fuori – riferendosi agli insulti, e continua – Tutta la nostra famiglia è profondamente addolorata per il fatto che la carriera di Zinedine sia finita con un cartellino rosso. Almeno, però, lui ha mantenuto il suo onore. Certe cose sono più grandi e più importanti del calcio”.

Ed infine, in giornata, un po’ prima che iniziasse l’intervista di Zidane sull’emittente francese Canal Plus, Materazzi ha lasciato alcune dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport in merito alla vicenda: “Non gli ho detto nulla che riguardasse razzismo, religione e politica. Non ho parlato neppure della madre. Ho perso la mamma a 15 anni e ancora adesso mi commuovo a parlarne. – continua il difensore protagonista del Mondiale – Naturalmente non sapevo che la sua fosse in ospedale, le faccio i miei migliori auguri”. Ed aggiunge anche alcune parole di stima nei confronti del calciatore francese: “E’ da sempre il mio mito, lo ammiro molto”.

Tante dichiarazioni, battute, controbattute, ma nulla è stato risolto, la Fifa continua ad indagare.
Intanto, durante i Mondiali di Calcio Fifa 2006 che si sono tenuti a Berlino, abbiamo avuto conferma di una cosa molto interessante riguardo al giocatore francese di origini algerine: che oltre ad essere “un professore” – calcisticamente parlando – coi piedi, è anche un ottimo “colpitore di testa”.

© Riproduzione Riservata