• Santaniello
  • Bruzzone
  • Quarta
  • Scorza
  • Gnudi
  • Romano
  • Buzzatti
  • Leone
  • Miraglia
  • Barnaba
  • Algeri
  • Cacciatore
  • Chelini
  • Rossetto
  • Mazzone
  • Falco
  • de Durante
  • Ward
  • Ferrante
  • Gelisio
  • Valorzi
  • Carfagna
  • Tassone
  • di Geso
  • Romano
  • Andreotti
  • Pasquino
  • Boschetti
  • Alemanno
  • Catizone
  • Meoli
  • Califano
  • Casciello
  • Dalia
  • Antonucci
  • Grassotti
  • Bonanni
  • Crepet
  • Cocchi
  • De Luca
  • Bonetti
  • Rinaldi
  • Napolitani
  • Paleari
  • Quaglia
  • De Leo
  • Liguori
  • Coniglio
  • Baietti

Idropinoterapia: curarsi con l’acqua

25 Maggio 2010
.
11/08/2022

A volte un bicchiere d’acqua è proprio quello che serve per sentirsi meglio, specialmente se ci si ritrova ad affrontare una di quelle torride e afose giornate estive, quando il termometro arriva a toccare temperature decisamente insopportabili.



Ma questo è l’unico beneficio che si può ottenere da una risorsa tanto indispensabile per noi esseri viventi? La risposta, ovviamente, è no.

Tra i mille usi a cui l’acqua si presta ce n’è uno molto importante e poco conosciuto: l’idropinoterapia. Sicuramente a molti il nome risulterà nuovo o poco familiare, quindi è bene soffermarsi per capirne di più.

L’idropinoterapia (o cura idropinica) è un metodo di somministrazione di acqua minerale a scopo curativo e terapeutico: la tecnica consiste nel bere acqua minerale a una data temperatura, in determinati orari di assunzione, rispettando tempo di bevuta e determinati intervalli fra una bevuta e l’altra. La durata della cura è di circa 2 settimane, ma il ciclo può variare da paziente a paziente. L’individuo assumerà acqua (a temperatura ambiente o riscaldata, a seconda della patologia) a digiuno o comunque lontano dai pasti, per favorire l’azione delle proprietà curative.

La tecnica è consigliata per i disturbi alle vie urinarie, soprattutto in presenza di calcoli renali; è prescrivibile anche per disturbi gastro-intestinali, come il colon irritabile o la dispepsia. Diversi studi hanno inoltre dimostrato che l’idropinoterapia è molto utile a prevenire malattie cardiache, epidermiche e dell’apparato digerente.

Per poter beneficiare di questa terapia è necessaria la prescrizione da parte del medico, che valuterà se praticare l’idropinoterapia direttamente a domicilio oppure indirizzerà il paziente presso un centro termale specializzato. Tuttavia, è consigliabile basarsi soprattutto sulla seconda opzione, in quanto i risultati che si otterrebbero sarebbero molto più evidenti e significativi: oltre a sfruttare le qualità benefiche dell’acqua minerale non soggetta a modificazioni o dispersioni, è possibile associare alla cura idropinica passeggiate nei giardini del centro termale, favorendo una gradevole sensazione di benessere generale dell’individuo, e ci si può avvalere dell’esperienza di personale medico competente e altamente qualificato che permette di migliorare il proprio livello nutrizionale, associandolo a una corretta assunzione giornaliera di liquidi nell’organismo.

Sebastiano Liguori

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata