• De Leo
  • Romano
  • Falco
  • Paleari
  • Baietti
  • Napolitani
  • Bonanni
  • Quaglia
  • Cacciatore
  • Cocchi
  • di Geso
  • Ward
  • Valorzi
  • Quarta
  • Romano
  • Meoli
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Califano
  • Coniglio
  • Leone
  • Tassone
  • Catizone
  • Algeri
  • Mazzone
  • Chelini
  • Alemanno
  • Casciello
  • Gelisio
  • De Luca
  • Boschetti
  • Carfagna
  • Santaniello
  • Gnudi
  • Scorza
  • Bruzzone
  • Pasquino
  • Liguori
  • Rinaldi
  • Buzzatti
  • Miraglia
  • Grassotti
  • Bonetti
  • Andreotti
  • Crepet
  • Dalia
  • Ferrante

L’Università di Padova combatte l’evasione fiscale

6 Giugno 2010
.
02/08/2021

Tempi duri per evasori ed approfittatori: un accordo tra Guardia di Finanza e Università di Padova permetterà di smascherare chi cerca di beneficiare indebitamente di borse di studio e agevolazioni fiscali.

D’ora in poi verranno effettuati controlli più approfonditi sui redditi degli studenti, al fine di individuare chi dichiara dati non veritieri, a danno di chi è in difficoltà economica o semplicemente a danno delle finanze dell’ateneo stesso.

Con questo protocollo si cercherà di evitare che i finti poveri paghino rette più basse del dovuto o avanzino in graduatoria con maggiore facilità.

Per Giuseppe Zaccaria, rettore dell’Università che con la Guardia di Finanza aveva già stipulato un accordo per combattere gli affitti in nero, è un ulteriore passo avanti verso maggiori “politiche di equità”.

L’accordo con la Guardia di Finanza è un modo per “preservare le famiglie più deboli in ottemperanza al diritto di studio sancito dalla nostra Costituzione” aggiunge Zaccaria. E continua: “Grazie a questo protocollo potremo intensificare controlli mirati, avendo a disposizione un patrimonio informativo della Guardia di Finanza che andrà incrociato con le nostre banche dati”.

Ivano Maccani, comandante della Guardia di Finanza di Padova, sottolinea che l’accordo è “un patto anti-evasione dove vengono unite le forze e le professionalità per combattere la cultura dell’illegalità”.

Ma come si agirà effettivamente? La risposta arriva da Maccani: “(…) Innanzitutto smascherando gli studenti disonesti che dichiarano il falso a scapito dei colleghi onesti e ai danni delle casse dell’ateneo. I controlli saranno mirati e verranno incentrati sulla verifica di posizioni individuate attraverso l’incrocio di banche dati. Gli studenti selezionati verranno sottoposti a controlli in termini di reddito e di patrimonio, riconducibili a loro ma anche ai nuclei familiari. Chi verrà pizzicato non solo dovrà restituire quanto indebitamente introitato, ma se sussistono i presupposti, verrà segnalato per i profili di carattere penale anche all’autorità giudiziaria”.

Attenzione, quindi: gli evasori hanno le ore contate!

Sebastiano Liguori

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata