• Google+
  • Commenta
6 giugno 2010

Primo Master di medicina integrata all’Università di Siena

È prevista, in Toscana, per il mese di Giugno,l ’inaugurazione del primo “Centro ospedaliero italiano di medicina integrata”, presso l’ospedale “Petruccioli” di Pitigliano.
Le pratiche della medicina tradizionale e alternativa saranno integrate:l’omeopatia, la fitoterapia, lo yoga e l’agopuntura verranno esercitate insieme alle tecniche della medicina classica essendo state riconosciute a tutti gli effetti pratiche mediche dalla legge regionale n. 9/2007.

Il progetto finanziato dalla regione Toscana fungerà anche da progetto pedagogico per l’università di Siena, che ha aperto il primo Master Europeo di medicina integrata della durata di due anni ed è rivolto per formazione teorico-pratica dei laureati in medicina, farmacia, odontoiatria e veterinaria. Gli studenti che parteciperanno potranno fare pratica clinica nell’ospedale stesso.

“Questa alleanza terapeutica − spiega Fabio Roggiolani, presidente della commissione Sanità del Consiglio regionale e autore della legge toscana sulle medicine complementari. − è frutto di tre anni di impegno. Un patto virtuoso tra politica, strutture sanitarie e società civile, al quale Pitigliano ha risposto perfettamente”.

“Con l’inizio del nuovo anno – continua Roggiolani-uno staff di medici qualificati formerà una équipe complessa che sarà in grado di assicurare una straordinaria offerta di salute ed efficaci soluzioni a tante patologie. Non si elimina nessuna cura, semmai si aggiungono possibilità terapeutiche”.

“I primi 100 mila euro -continua il presidente della commissione Sanità- saranno seguiti da altri finanziamenti, ma sono certo che la struttura risulterà attrattiva per pazienti di tutta Italia e quindi presto diventerà una risorsa. La nascita del primo ospedale di medicina integrata − prosegue − porterà anche una rete sul territorio, con l’utilizzo dei centri termali di Sorano e Saturnia, e con l’avvio del primo Master di medicina integrata all’Università di Siena”.

La Toscana ha saputo unire Università e ospedale per ricondurre omeopatia, fitoterapia, agopuntura nel posto che devono occupare nella medicina.

In concomitanza con questo progetto sarà realizzata la prima biblioteca italiana on-line dedicata alle medicine complementari e alle discipline bionaturali.

Raffaella Barbieri

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy