• Google+
  • Commenta
20 giugno 2010

Università di Pisa: la corsa a tre per la carica di Rettore vede protagonista anche una donna

L’Università di Pisa eleggerà il nuovo Rettore a settembre, nonostante in tanti atenei, invece, si voterà a luglio.
Questo è quanto è stato detto al decano dal Cineca, consorzio che gestisce il voto telematico.

I tre candidati alla carica sono: Massimo Mauro Augello, Paolo Miccoli e Nicoletta De Francesco.
Ma la vera novità sta nel fatto che per la prima volta potrebbe correre alla carica di magnifico rettore una donna. La De Francesco, professore ordinario di Sistemi per l’Elaborazione delle informazioni al dipartimento di ingegneria dell’Informazione è attualmente prorettore alla Didattica nell’amministrazione Pasquali.

Il problema è che la De Francesco non sembra riscuotere molti consensi da parte delle varie facoltà, eccetto l’appoggio del Rettore in carica.
Gli altri due candidati, sono senza dubbio dei nomi noti.
Massimo Mauro Augello, è l’attuale preside della facoltà di Economia e lo si ricorda perché più volte in questi mesi, ha preso posizione contro la gestione Marco Pasquali. La sua candidatura sarà sostenuta naturalmente dalla facoltà di Economia.

Paolo Miccioli, invece, direttore del Dipartimento ad attività integrate di Chirurgia generale dell’Aoup, sembra essere il favorito.
A questo proposito non si sono ancora schierate le facoltà di Lettere e Scienze, dal momento che non hanno un proprio candidato.

Ciò che si augurano gli studenti è che, colui che assumerà questo ruolo di guida nell’Ateneo pisano, creda fermamente nel futuro dell’Università e dia importanza a tutte le figure che favoriscono la diffusione della cultura, partendo dai professori ordinari a quelli associati, dai ricercatori agli studenti.
Senza trascurare nessuno, perché il puzzle della conoscenza non si compone di un singolo pezzo, ma di tanti pezzi messi insieme e se anche venisse a mancare il più piccolo, il più insignificante pezzo, renderebbe questo puzzle incompleto.

E per questo bisogna sostenere la ricerca ad andare avanti a non permettere che figure così importanti diventino marginali, o peggio lasciare che il loro lavoro diventi vanto dei paesi esteri, che ben volentieri accettano i “cervelli” italiani.

Inoltre, gli studenti si augurano, altresì, di poter usufruire di quello che viene definito “diritto allo studio”, che da un pò di tempo sembra stia perdendo il suo significato originale smarrendosi.

Letizia Del Regno

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy