• Google+
  • Commenta
18 luglio 2010

Porte Aperte alla Sapienza

Dal 20 al 22 luglio, dalle ore 10 alle ore 18, La Sapienza utilizzerà i suoi spazi per orientare tutte le matricole. Lungo i viali della Città Universitaria, presso Piazzale Aldo Moro 5, torna quello che, ormai, è un appuntamento abituale all’interno dell’ateneo più grande d’Europa.

Nel corso delle tre giornate sarà distribuito materiale informativo sulle università e sulle modalità d’accesso ai diversi corsi di laurea. Oltre a ciò per ogni facoltà è prevista una conferenza di presentazione nell’Aula magna del Rettorato. Il calendario delle conferenze, che saranno visibile anche in streaming, è consultabile al link:
http://www.uniroma1.it/home/100617_porteaperte.php

Per l’anno accademico 2010‐2011 gli studenti che vorranno iscriversi alla Sapienza potranno scegliere tra 218 corsi di studio, corrispondenti a lauree (89), lauree magistrali (116) e lauree a ciclo unico (13) e tra 298 master di I e II livello. A questi vanno aggiunti 91 corsi dell’area sanitaria per le lauree triennali e 11 per le lauree specialistiche biennali, regolati ancora dal dm 509/99, in attesa dell’emanazione della normativa ministeriale.

Per tutti i corsi di studio con ordinamento ex DM 270/04 sarà necessaria la prova di verifica delle conoscenze, già introdotta lo scorso anno. La procedura si applica anche ai corsi che non prevedono il numero programmato degli accessi. La partecipazione alla verifica è obbligatoria; lʹeventuale esito negativo non determina la mancata iscrizione, ma un obbligo formativo aggiuntivo da assolvere entro il primo anno di corso attraverso corsi di recupero
che si svolgono con le modalità definite dalle facoltà.

Per l’anno 2010‐2011 è inoltre confermato l’esonero dal pagamento delle tasse per le matricole che hanno conseguito pieni voti all’esame di maturità. Gli studenti che manterranno una media di 29/30 potranno laurearsi con un anno di anticipo, mentre i fuori corso che hanno sospeso gli studi potranno accedere a un percorso di tutoring per laurearsi.

Tommaso Ceruso

Google+
© Riproduzione Riservata