• Google+
  • Commenta
5 luglio 2010

Università Ca’ Foscari: Il nuovo master universitario in “Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati”

Il Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università Ca’ Foscari Venezia ha organizzato per l’a.a. 2010/2011 il Master Universitario di secondo livello in “Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati”, con l’obiettivo di formare figure professionali esperte nella progettazione e realizzazione di interventi di caratterizzazione, messa in sicurezza, bonifica e riqualificazione ambientale e funzionale di siti contaminati.

La presenza nel territorio di numerose aree caratterizzate da condizioni di forte degrado, e la conseguente necessità della messa in opera di interventi di bonifica, ha assunto un’importanza esponenzialmente crescente sia a livello nazionale che internazionale, arrivando a costituire per i diversi paesi un problema complesso e oneroso dal punto di vista economico, tecnologico ed amministrativo. Ciò ha richiesto la predisposizione di strategie finalizzate alla decontaminazione ed al recupero funzionale dei siti contaminati, in cui l’emanazione di adeguati strumenti normativi si è accompagnata allo sviluppo di specifiche metodologie e tecnologie di caratterizzazione, monitoraggio e risanamento.

La normativa e gli approcci operativi legati alla gestione e alla bonifica dei siti inquinanti sono stati inoltre soggetti a significativi e progressivi cambiamenti negli ultimi anni, sia in Italia che in altri paesi europei; la continua evoluzione di questo settore richiede perciò un continuo aggiornamento delle competenze da parte degli operatori coinvolti.

In questo contesto si inserisce la necessità di formare nuove professionalità che siano in grado di utilizzare in maniera efficace i risultati della ricerca per individuare e applicare, in linea con i nuovi orientamenti normativi, le tecnologie più vantaggiose dal punto di vista sia economico che ambientale nelle diverse fasi di risanamento dei siti.

Effetto collaterale di questo intervento di formazione potrà risultare anche l’avvio di una permanente rete di collaborazione tra l’Ateneo Ca’ Foscari e gli operatori del settore, permettendo così di rafforzare la competitività delle aziende, di aumentare l’efficacia di intervento da parte degli enti locali, e di migliorare al tempo stesso la qualità dell’offerta formativa colmando il gap tra università e mondo del lavoro.

Il corso, il cui responsabile è il prof. Emanuele Argese, comprende attività didattica frontale, seminari tenuti da esperti del settore, esercitazioni mediante analisi di casi reali, studio guidato e didattica interattiva, nonché un percorso di stage obbligatorio. All’insieme delle attività suddette, integrate dall’impegno da riservare allo studio ed alla preparazione individuale, corrisponde un volume complessivo di lavoro pari a 60 crediti formativi universitari (CFU).

Il Master è rivolto ad una grande varietà di laureati specialistici/magistrali o quinquennali in discipline scientifiche (es. Scienze Biologiche, Ambientali, Geologiche, Chimica, Chimica Industriale), ingegneristiche (es. Ingegneria Chimica, Ingegneria gestionale, Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio), agrarie (es. Scienze e Tecnologie Agrarie), ecc.; per maggiori informazioni si veda in dettaglio il sito del master (www.unive.it/master-risanamento). Il Master si rivolge anche a personale laureato già operante presso imprese interessate a vario titolo alle bonifiche. A tal fine le lezioni sono tenute nei giorni di venerdì e sabato in modo da conciliare attività lavorative e attività di apprendimento.

Il Master ha una durata annuale (ottobre 2010 – ottobre 2011) e prevede 400 ore di lezione e 250 ore di stage. La conclusione del Master, con la discussione di un elaborato scritto da parte degli allievi, è prevista per il mese di ottobre 2011.

I partecipanti acquisiranno un’effettiva e approfondita conoscenza riguardo alla scala delle problematiche relative ai siti contaminati in Italia e all’estero, ai processi che controllano il comportamento degli inquinanti nei suoli, ai cambiamenti nella legislazione, con particolare riguardo ai processi utilizzati per stimare il rischio associato ai siti contaminati. Acquisiranno inoltre le competenze per discutere scientificamente i processi che possono influenzare il risanamento, per comunicare in maniera adeguata e informata riguardo ai metodi di caratterizzazione e bonifica dei siti contaminati e per applicare ai casi reali le conoscenze acquisite.

Le figure professionali formate potranno inserirsi presso enti di ricerca, strutture pubbliche di pianificazione e controllo, società e studi professionali operanti nel settore.

Il Master è a numero chiuso (massimo 35 partecipanti) e richiede frequenza obbligatoria per almeno il 70% delle ore formative e per il 100% delle ore di stage. La scadenza per la presentazione delle domande di ammissione è il giorno 8 settembre 2010. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito:

www.unive.it/master-risanamento.

Google+
© Riproduzione Riservata