• Google+
  • Commenta
5 agosto 2010

Non solo teoria con “Studenti in Attività”

La Libera Università di Bolzano ha riproposto il percorso d’eccellenza “Studenti in Attività” per l’anno accademico 2010/2011, un modello sperimentale di alternanza studio-lavoro sviluppato, dall’a.a 2003-2004, in collaborazione con Asso Imprenditori Alto-Adige e il Politecnico di Torino.

Il progetto si fonda sulla possibilità di attivare l’alternanza tra studio e lavoro fin dal primo anno di iscrizione alla laurea triennale (a numero chiuso) in Ingegneria Logistica e della Produzione (L – 9), permettendo così agli studenti opportunamente selezionati di inserire nel piano di studio della propria laurea di primo livello anche importanti esperienze lavorative regolarmente retribuite anche per i periodi di sola frequenza universitaria.

Lo studente in attività alternerà quindi periodi di lavoro in azienda a periodi di solo studio in Università (comprendenti la frequenza a tempo pieno delle lezioni) e, pertanto, la tradizionale durata triennale del corso è stata prolungata di un anno. I candidati, che non devono comunque aver superato i 28 anni, potranno stipulare con l’azienda interessata un contratto di apprendistato percependo una retribuzione mensile (13 mensilità annue) per 3 dei quattro anni di durata del percorso di laurea. Il contratto di apprendistato decorrerà da giugno del primo anno di corso per concludersi poi in maggio, del quarto anno di corso.

Il metodo di studio prevede per lo studente-lavoratore una presenza media all’Università pari al 45% della durata quadriennale (tenendo conto, ovviamente, della periodicità dell’anno accademico). Tuttavia la maggior parte degli esami saranno preparati in modo “tradizionale”, ovvero attraverso la frequenza a tempo pieno del corso ed una prova d’esame, mentre i restanti esami saranno preparati attraverso corsi a distanza che prevedono lo sviluppo di progetti di lavoro in azienda, dunque preparati “on the job”, e seguiti da una regolare prova d’esame.

Per essere ammessi al progetto Studenti in Attività, bisogna compilare un proprio curriculum vitae che verrà divulgato presso le aziende potenzialmente interessate per il tramite di AssoImprenditori; le aziende interessate provvederanno a contattare gli studenti per fissare un colloquio di selezione.

Raffaele La Gala

Google+
© Riproduzione Riservata