• Google+
  • Commenta
20 settembre 2010

Ca’ Foscari a Shanghai World Expo 2010

Alta formazione a Venezia: esperienze di successo e prospettive future

Le università incontrano ex allievi e studenti al Padiglione di Venezia, Shanghai World Expo 2010La tradizione degli studi orientali all’Università Ca’ Foscari è cosa nota, meno noto era il fatto che la formazione a Ca’ Foscari si fosse tradotta in manager di successo a Shanghai e in Cina. A testimoniare il successo conseguito dall’università Ca’ Foscari in Cina sono alcuni ex allievi in Cina e in Italia: il caso più emblematico è quello di Davide Cucino, Head of China Operations, Finmeccanica Spa Vicepresident, European Union Chamber of Commerce in China; Marco Bettin, Vice Chairman, China-Italy Chamber of Commerce-Guangdong e Antonella Piva, Responsabile area Cina-Estremo oriente, Centro Estero Camere di Commercio. I laureati in cinese sono i pioneri di un percorso di studi avviato a Ca’Foscari nel 1967, con il prof, Lionello Lanciotti, interdisciplinare avviato a Ca’ Foscari all’inizio del 2000, LISAO, Lingue e Istituzioni Economiche e Giuridiche dell’Asia Orientale, uno dei corsi di maggior successo dell’Ateneo veneziano.

La tradizione degli studi orientali a Venezia si è arricchita negli anni di economia e diritto, percorsi interdisciplinari.

Altro elemento degno di nota dello studio delle lingue orientali a Ca’ Foscari è il gran numero di cafoscarini in Cina: solo a Shanghai, 100-150 laureati e studenti di cinese, altri sparsi in alcune altre città, Pechino, Nanchino, Hong Kong, Shenzhen etc.

L’Università Ca’ Foscari di Venezia ha organizzato una convention di Cafoscarini a Shanghai a cui ha aderito più di cento fra laureati, soprattutto di Shanghai, con qualcuno che è venuto da Pechino, Nanchino e Canton. Alla convention parteciperà il Rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro, la e alcuni altri professori fra cui Franco Gatti, Magda Abbiati, Marco Ceresa, Nicoletta Pesaro, Lippiello, Micelli, Cavalieri etc.

Google+
© Riproduzione Riservata