• Google+
  • Commenta
25 settembre 2010

Master in ingegneria delle infrastrutture e dei sistemi ferroviari

Sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2010-2011 al master universitario di secondo livello in ingegneria delle infrastrutture e dei sistemi ferroviari, presso la facoltà di ingegneria della Sapienza.

Il Master,organizzato dal gruppo Ferrovie dello Stato, in collaborazione con Roma metropolitane, AnsaldoBreda e Ansaldo STS del gruppo finmeccanica, mira alla formazione di tecnici di alto livello,in grado di soddisfare le esigenze delle società ferroviarie e di ingegneria, dei centri di ricerca delle industrie,delle imprese che operano nel settore.

La facoltà di ingegneria garantisce agli studenti e ai laureati la possibilita’ di avere contatti con aziende prestigiose. Questo è uno dei punti di forza di questa facoltà.

Fabrizio Vestroni, Preside della facoltà di Ingegneria afferma che durante tutto il percorso universitario si cerca di favorire il contatto tra l’accademia, le istituzioni, le aziende. Però il Master è un occasione molto particolare; si inserisce nel offerta formativa della facoltà ,è la conclusione di un percorso della facoltà.

Questo Master è molto importante nel sistema dei trasporti che è fondamentale per lo sviluppo tecnologico e sociale del paese e raccoglie le esperienze dell’università, delle aziende e dei costruttori.

Il programma di studio del Master prevede un impegno full time per circa 7 mesi, da gennaio a luglio 2011, con discussione finale nel mese di settembre. Per i partecipanti sono previste lezioni in aula ma anche visite a cantieri e impianti ferroviari, esperienze sul campo,e al termine del percorso stage presso una delle aziende partner.

Dario Lo Bosco , Presidente della rete ferroviaria italiana,spiega quali sono le caratteristiche che i giovani laureati devono avere per poter entrare a far parte di aziende così prestigiose.Oltre la preparazione,che è data ovviamente dai risultati conseguiti nella laurea e nei corsi di perfezionamento post-laurea,la passione per il lavoro che si svolge.

Per la frequenza al Master saranno inoltre previste borse di studio per più di 70.000 euro; 2.400 euro per i primi 10 classificati,2.000 euro per i successivi dieci e 15 borse da 2.000 euro per i residenti da almeno sei mesi fuori dalla regione Lazio.

Inoltre gli studenti che vi partecipano hanno ottime possibilità di trovare una collocazione nelle aziende:la percentuale effettiva dei laureati che entrerà poi a far parte di esse è infatti piuttosto alta. Altro motivo, dunque, che porta a guardare in una luce sicuramente positiva Master come questo.

Roberta Nardi

Google+
© Riproduzione Riservata