• Google+
  • Commenta
28 settembre 2010

UNICA 2010 “ EUROPE THROUGH STUDENT’S EYES”

Un programma fitto di eventi è quello che si è concluso Sabato 25 Settembre nella capitale e che ha visto coinvolti 300 studenti provenienti da 35 Atenei europei, affiancati da 16 studenti italiani e 15 tutors. L’occasione è stata il ventennale anniversario della rete UNICA e il decimo anniversario delle sue Conferenze. Conferenze indette ogni due anni per promuovere un confronto internazionale diretto tra studenti. Le edizioni precedenti hanno avuto come sfondo Varsavia, Parigi, Amsterdam, Londra e Berlino.

La rete UNICA raccoglie 42 università delle capitali europee sotto il segno della ricerca dell’eccellenza universitaria, l’integrazione e la cooperazione tra atenei europei.
Quest’anno gli studenti hanno affrontato 10 tematiche individuate on-line: l’internazionalizzazione nelle università; i programmi europei di mobilità verso la sfida del 20% entro il 2020; il ruolo dell’università nella società contemporanea; il multiculturalismo; innovazione,educazione formale e informale; il Processo di Bologna e lo sviluppo dei sistemi europei di istruzione superiore; la mobilità studentesca e l’allargamento e il consolidamento dell’UE; la qualità universitaria nonostante i contributi contenuti; come orientarsi sulla migliore università in cui studiare; sviluppo sostenibile e università più verdi; skills forti e soft, come svilupparle entrambe.

I quattro rettori universitari coinvolti si sono dichiarati soddisfatti e incoraggiati dalle tavole rotonde.

Siamo per questo particolarmente orgogliosi – ha detto in un comunicato il rettore di Roma 3 Fabianicome Atenei romani di poter accogliere nelle nostre sedi centinaia di studenti e favorire il più ampio confronto, come dimostra l’articolazione dei temi previsti dalla Conferenza, affinché le legittime aspettative di crescita e di conoscenza dei giovani studenti europei possano trovare soddisfazione”.

Il rettore della Sapienza Frati ha sottolineato, invece, come “gli studenti dovrebbero essere maggiormente coinvolti nello sviluppo nonché nelle applicazioni delle strategie e delle politiche delle nostre istituzioni, anche di quelle Europee”.

Una nota di ottimismo è stata aggiunta dal rettore dell’università di Tor Vergata Lauro , che ha voluto sottolineare come in questo periodo storico caratterizzato da crisi economiche, cambiamenti culturali e scontri di civiltà “il lavoro in comune, l’impegno civile, la crescita culturale saranno il viatico per superare questi momenti”.

Posizione, questa, sostenuta anche dal rettore dell’università del Foro Italico Parisi che rivolgendosi direttamente agli studenti ha precisato “il ruolo delle giovani generazioni, e in particolare il ruolo che può essere svolto da voi, gli studenti più motivati e impegnati di Europa, è e sarà cruciale”.

La chiusura dei lavori ha anche visto adottare la “Rome Declaration” dai partecipanti.

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy