• Google+
  • Commenta
16 settembre 2010

Università Ca’ Foscari Venezia: L’invasione degli ultra-ricercatori

Il prossimo 24 settembre Venezia sarà invasa per una notte dai migliori cervelli dei suoi atenei e fondazioni di ricerca per «Venight – La notte europea dei ricercatori» Un’occasione unica per bere uno «spritz-ricercato», per avere (gratis) una guida d’eccellenza alla Biennale e nei musei cittadini, per ascoltare un concerto o partecipare a una caccia al tesoro hi-tech

Un’occasione, soprattutto, per ricordare che il futuro inizia da qui, dalla ricerca.

Che faccia ha un ricercatore?

Per scoprirlo l’appuntamento è il 24 settembre a Venezia. «La notte dei ricercatori», un progetto europeo che tocca anche la città lagunare con l’Università Ca’ Foscari, l’Università Iuav di Venezia e la Fondazione Eni Enrico Mattei, il Comune di Venezia e Unioncamere e anima una intera giornata (si parte dalle 10 del mattino per arrivare allo scoccare della mezzanotte), una lunga giornata aperta a tutti per conoscere dal vivo il meglio della produzione intellettuale, con mille applicazioni pratiche, dei ricercatori che operano a Venezia.

Qualche esempio?

Un ricercatore della Fondazione Eni Enrico Mattei ha partecipato ad una ricerca che è stata premiata dal settimanale americano TIME tra le migliori 50 invenzioni del 2009 nel mondo, sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia c’è l’International Center for Climate Governance, un nuovo centro di ricerca internazionale sui cambiamenti climatici. Per bloccare virus informatici e buchi nelle smart card si può chiedere ai ricercatori di Informatica dell’Università Ca’ Foscari. Nei laboratori di Chimica di Ca’ Foscari si sintetizzano nuovi profumi, mentre per i ricercatori di Scienze Ambientali i ghiacci dell’Antartide non hanno più segreti. Oppure, in pochi sanno che per l’isolamento acustico e termico si può usare la fibra del banano, ci lavorano studenti e ricercatori Iuav nei workshop «Atelier Rwanda» o che la stabilità del ponte di Rialto e dei campanili di Venezia sono costantemente sotto controllo grazie ai ricercatori Iuav che si occupano anche di strumenti nanotecnologici come Agripod per conoscere la filiera da cui proviene il cibo che si trova, ad esempio, al supermercato.

Questi e mille altri i campi di ricerca che cambieranno la vita quotidiana di ciascuno. L’importanza di questo lavoro, però, è spesso sottovalutata e costantemente a rischio a causa dei pesanti tagli agli investimenti pubblici e privati.

Cos’è La Notte Europea dei Ricercatori

Dal 2005 La Notte Europea dei Ricercatori è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea nella quale i ricercatori si danno appuntamento per incontrare il grande pubblico in differenti città europee e in una stessa giornata di fine estate, il 24 Settembre 2010.
La Notte Europea dei Ricercatori rappresenta un’occasione straordinaria per avvicinare, in modo divertente, il pubblico di ogni età al mondo della ricerca, per aprire uno spazio di incontro e dialogo con i cittadini e per sensibilizzare i giovani alla carriera scientifica.

IL PROGRAMMA

Particolarmente ricco il programma del pomeriggio-serata del 24 settembre. C’è la caccia al tesoro con The Ruyi nel corso del pomeriggio, chiamato «Alla ricerca del tesoro» e ad ognuno dei primi 150 iscritti verrà consegnata una copia della guida Venezia. The Ruyi. I ricercatori delle Università Ca’ Foscari e IUAV e della Fondazione Eni Enrico Mattei guideranno il gioco e parteciperanno attivamente. Nel tardo pomeriggio da non perdere gli Spritz con la Scienza. Dalle 18 alle 20 una rete di bacari e la sede centrale dell’università di Ca’ Foscari ospiteranno gli Spritz con la Scienza in cui si potrà assistere a una breve conferenza tenuta da un ricercatore delle Università Ca’ Foscari e IUAV e del centro di ricerca FEEM bevendo un aperitivo offerto a tutti i partecipanti.
Nel corso della giornata l’appuntamento è con «Insieme al museo», un’occasione per visitare gratuitamente, dalle 10 alle 18, i più importanti musei di Venezia con percorsi gestiti e realizzati dai ricercatori di Ca’Foscari e Iuav. Da Palazzo Grassi alla Dogana, dalla Biennale Architettura alla Guggenheim, dalla Querini Stampalia ai Musei civici con laboratori dedicati ai più piccoli. Per concludere e festeggiare Venight, Campo Santa Margherita ospita un doppio concerto di Artemoltobuffa e i Mercanti di Liquore, a partire dalle 20 e fino alle 23.30. Fitto di proposte anche il doppio Corner europeo nelle sedi Ca’Foscari e Iuav in cui raccogliere informazioni sui programmi europei per la ricerca, partecipare a giochi e quiz interattivi, ascoltare la musica di Radiocafoscari, vedere le migliori foto partecipanti al concorso e un video sulla figura e il ruolo dei ricercatori.

La Notte Europea dei Ricercatori di Venezia sarà una giornata rivolta a tutte le fasce di età e le tipologie di pubblico e le attività offerte e animate dai ricercatori degli Enti promotori saranno gratuite.
La Notte europea dei Ricercatori di Venezia, è organizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy