• Google+
  • Commenta
24 dicembre 2010

Lampade “verdi”, non più amiche

Da uno studio condotto dalla Germania si è scoperto che le lampadine a basso consumo contengono tracce, sebben minime, di mercurio che potrebbero danneggiare sia l’ambiente, che l’utente.

La preoccupazione era stata già antecedentemente esposta da alcuni eurodeputati tedeschi ed ha trovsato adesso riscontri nella ricerca tedesca.

Si è sollevato un polverone quindi per il rinnovo del programma di interdizione delle vecchie lampadine stabilito dalla Commissione Europea.

Il programma stabilisce che dopo l’interdizione per i 100 e i 75 watt, nel settembre del 2011 dovranno andare in pensione le lampadine a incandescenza a 60 watt ed entro la fine del 2012 dovranno sparire quelle di 40 e 25 watt.

L’Ue stima che, sostituendo tutte le lampadine di vecchia generazione con quelle nuove si potranno risparmiare fino a 40 miliardi di KW/h l’anno, con conseguente risparmio 15 milioni di tonnellate di CO2. Per fare un paragone, il consumo di uno stato come la Romania in un anno intero.

Ma, dopo le preoccupazioni espresse da un gruppo di europarlamentari, si è stabilito di imporre ai produttori un ulteriore limitazione dei livelli di mercurio. I nuovi limiti da rispettare mutano dal precedente 5,0 microgrammi al metro cubo a 2,5 entro il 2013, con un obiettivo intermedio di 3,5 microgrammi nel 2012.

Serena Calabrese

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy