• Google+
  • Commenta
30 gennaio 2011

Progetto “Fair Play” a Napoli

Lunedì 31 gennaio verrà presentato a Napoli il progetto “Fair Play”, un’iniziativa di grande importanza sociale che si propone di combattere il bullismo e la dispersione scolastica, sempre più in aumento nella provincia di Napoli, attraverso la pratica sportiva e l’insegnamento di quei valori fondamentali per una convivenza civile e all’insegna del rispetto dell’altrui persona.

Secondo i dati elaborati dall’Ufficio scolastico della regione Campania oltre 50 mila ragazzi non hanno frequentato la scuola durante il corso dell’anno scolastico 2008/2009. Dati ancora più allarmanti se si pensa che di questi studenti 15 mila hanno un’età compresa tra i 6 e i 15 anni e 35 mila tra i 16 e i 17 anni.

Il progetto, che avrà luogo nel capoluogo partenopeo dalle ore 10 in presenza di molti istituti scolastici della città e della provincia, è realizzato dall’associazione Un Patto per la Vita Onlus in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e le principali federazioni sportive di tutta Italia.

Gli alunni che verranno selezionati tra i vari istituti della provincia verranno indirizzati verso le molte strutture sportive del territorio che già dal mese di marzo saranno pronte ad accoglierli gratuitamente mettendo loro a disposizione numerose discipline tra cui scegliere come il canottaggio, la lotta libera e greco – romana, il rugby, l’atletica leggera, il judo e il karate, e non solo.

Vincenza Calvi, presidente di Un patto per la Vita Onlus, spiega come la “fuga” dei molti giovani dalla scuola dell’obbligo sia una tragica testimonianza della cattiva gestione della classe politica italiana, totalmente incapace di far fronte al generale degrado della società civile e al rapido dilagarsi della criminalità organizzata, fenomeno che deve essere affrontato il più presto possibile con i mezzi adeguati tra cui lo sport.

L’attività sportiva può contribuire alla formazione di più sani obiettivi per i più giovani e alla crescita morale necessaria per perseguirli e infine raggiungerli. Il progetto “Fair Play” seguirà i ragazzi in un percorso formativo che farà apprendere loro valori come il rispetto delle regole, l’amicizia e la tolleranza, cercando di allontanarli da gravi realtà come la microcriminalità in favore della continuazione degli studi.

Gabriele di Grazia

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy