• Google+
  • Commenta
21 marzo 2011

Università Cà Foscari : Lingua dei segni

Il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati organizza dal 24 al 26 marzo presso l’Auditorium Santa Margherita il convegno dal titolo La lingua dei segni italiana: Grammatica, lessico, e dimensioni

Il convegno è dedicato alla presentazione dei risultati di una ricerca finanziata dal MIUR sulla variazione sociolinguistica nella grammatica e nel lessico della lingua dei segni italiana (LIS), utilizzata dalla comunità sorda italiana. Per la prima volta il MIUR ha finanziato una ricerca su questa lingua nell’ambito dei progetti PRIN, cui hanno partecipato, oltre a Ca’ Foscari, le Universita’ di Milano – Bicocca e di Roma – La Sapienza.

Nell’ambito del progetto è stato raccolto un ampio corpus di Lingua dei segni italiana, rappresentativo delle varieta’ parlate su tutto il territorio nazionale, che ha coinvolto ben 10 citta’ e 165 parlanti. Insieme alle lingue dei segni utilizzate negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Australia e in Nuova Zelanda, la LIS è una delle poche lingue al mondo per cui esiste ora un corpus di tale entità, che permetterà studi di natura linguistica e sociolinguistica negli anni a venire.

Come le lingue vocali, le lingue dei segni presentano una grande variazione, ci sono dialetti e varietà regionali. In queste lingue la variazione è ancora maggiore perchè, anche a causa della mancanza di una forma scritta, non c’è una lingua standard condivisa da tutti i parlanti. Questa situazione crea evidenti difficoltà per chi insegna la LIS (come ad es. all’Università Ca’ Foscari, dove la LIS è insegnata ormai da 10 anni) e per gli interpreti e gli assistenti alla comunicazione che si trovano a lavorare con parlanti di molte varietà diverse, nonchè per gli interpreti dei telegiornali in LIS.

E’ prevedibile che lo studio delle diverse varietà della LIS reso possibile dal corpus raccolto promuoverà una maggiore consapevolezza verso la standardizzazione di questa lingua, anche in vista del suo pieno riconoscimento che si profila ormai vicino.

Per una fortunata coincidenza, il convegno cade infatti dopo pochi giorni dall’approvazione, il 16 marzo, da parte della I Commissione Affari Costituzionali del Senato, del Disegno di Legge sul riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana, ai sensi della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, adottata dal Consiglio d’Europa a Strasburgo il 5 novembre 1992, ed in ottemperanza alle precedenti varie risoluzioni del Parlamento europeo, nonché della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, fatta a New York il 30 marzo 2007(legge 3 marzo 2009, n. 18).
Del convegno è ovviamente prevista la traduzione dall’italiano e dall’inglese in LIS, e dalla LIS in italiano.

Con il contributo di: MIUR – Progetto PRIN 2007, Università Ca’ Foscari Venezia, Lega del Filo d’Oro

Per informazioni: convegnolis@unive.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy