• Google+
  • Commenta
11 marzo 2011

Università di Sassari : Dichiarazione rettori dopo incontro con la Gelmini e Fitto

DICHIARAZIONE DEI RETTORI DI SASSARI E CAGLIARI DOPO L’INCONTRO DI IERI A ROMA CON I MINISTRI GELMINI E FITTO CONVOCATO GLI ATENEI DEL MEZZOGIORNO PER ILLUSTRARE IL PIANO NAZIONALE PER IL SUD E DISCUTERE SULLE CRITICITA’ DEL SISTEMA UNIVERSITARIO MERIDIONALE.

Si è svolto ieri a Roma un incontro tra i rettori degli atenei del Sud e i ministri Mariastella Gelmini e Raffaele Fitto. Sugli esiti della riunione, il ministro Gelmini ha diffuso il seguente comunicato:
“Il ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Mariastella Gelmini e il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, hanno incontrato ieri i rettori di tutte le università del Mezzogiorno. L’obiettivo dell’incontro è stato l’approfondimento delle questioni legate all’attuazione della riforma universitaria e del Piano Nazionale per il Sud. Nel corso della riunione sono state affrontate le criticità specifiche del sistema universitario meridionale per comprendere meglio come queste possano essere affrontate sfruttando appieno le opportunità che deriveranno dall’attuazione della riforma.
I ministri hanno illustrato i contenuti del Piano nazionale per il Sud per la ricerca e l’innovazione. Ai rettori è stato richiesto un contributo di proposte da inserire in un Contratto Istituzionale di Sviluppo per realizzare una sinergia virtuosa tra governo centrale, Regioni e sistema universitario.
Il ministro Gelmini e il ministro Fitto hanno espresso un giudizio ampiamente positivo sui contenuti della riunione e sul generale apprezzamento dell’iniziativa manifestato dai rettori”.

Questo il commento del rettore dell’Università di Cagliari, professor Giovanni Melis: “L’incontro dei ministri Gelmini e Fitto è un segno positivo di attenzione sulle specifiche tematiche degli Atenei meridionali. Nel merito dell’incontro, vanno sottolineati aspetti positivi e altri negativi. È positivo l’orientamento di mettere a disposizione fondi per la ricerca e per le strutture attraverso i Contratti Istituzionali di Sviluppo, mediante progetti predisposti dagli Atenei in collaborazione con le Regioni: in questo modo, l’Università di Cagliari potrebbe recuperare le risorse per il completamento della Cittadella di Monserrato. Continua invece a destare preoccupazione la conferma che, per il Fondo Ordinario per le Università (FFO), non si prevede il recupero dei tagli già previsti”.

Il rettore dell’Università di Sassari, Attilio Mastino, nel corso del suo intervento a Roma ha posto all’attenzione dei due ministri il tema delle Università sarde nei tempi di un federalismo che rischia di essere poco solidale e ha parlato della necessità di un accordo federativo tra i due Atenei dell’Isola.

“È necessario recuperare i Fondi FAS a favore delle Università della Sardegna ¬- ha aggiunto il rettore Mastino anche a nome del rettore Melis – che non sono stati spesi non certo per responsabilità degli Atenei. Per Cagliari sono necessarie le risorse per il completamento del complesso di Monserrato. Per Sassari, in particolare, erano disponibili da oltre due anni i fondi per la facoltà di Medicina e Chirurgia e per l’AOU: oltre 50 milioni per il nuovo ospedale. Servono 20 milioni anche per il terzo lotto del complesso bionaturalistico di Piandanna e 50 milioni per il polo agro veterinario, da rimodulare a favore dell’Ateneo. Le Università di Sassari, Napoli e Messina dovranno inoltre difendere le facoltà di Medicina veterinaria sottoposte a breve a una decisiva valutazione della Commissione europea”.

Google+
© Riproduzione Riservata