• Google+
  • Commenta
21 Maggio 2011

ADI Unisa

associazione : Associazione dei Dottorandi e dei Dottori di Ricerca Italiani (unisa) associazione : Associazione dei Dottorandi e dei Dottori di Ricerca Italiani (unisa)

Presidente: Marco Bianchetti

Email di riferimento: non indicata

Sito web associazione: http://www.dottorato.it/index.php

’ADI è l’ associazione che cerca di dare rappresentanza e tutela ai dottorandi e ai giovani ricercatori e lavora per dare più valore al titolo di Dottore di Ricerca.

L’ADI è indipendente dai partiti, è fatta da dottorandi e da dottori di ricerca che dedicano in maniera volontaria e non retribuita il proprio tempo per migliore le condizioni di vita e di ricerca di tutti.

Aumento delle borse, superamento del dottorato senza borsa, riforma del dottorato, statuto dei diritti, misure pensionistiche, riforma delle procedure di reclutamento, valorizzazione del titolo: sono solo alcuni temi trattati nell’ultimo anno dall’ADI.

Abbiamo dato voce alle istanze e ai bisogni dei dottorandi e dei giovani ricercatori nella contrattazione con il Ministero e con il Governo, nel confronto con maggioranza e opposizione, come rappresentanti al CUN e al CNSU.

Rispetto ad alcune di queste battaglie abbiamo ottenuto vittorie significative: l’aumento di 240 euro al mese, per tutti i dottorandi borsisti, a partire da gennaio 2008 è sicuramente la più importante ma non è l’unica.

In alcuni atenei siamo riusciti a far mettere all’ordine del giorno l’eliminazione delle tasse universitarie per i dottorandi, così come siamo riusciti ad ottenere alcune misure nella Riforma del Welfare a tutela dei diritti pensionistici.

Resta ancora molto da fare: il superamento del dottorato senza borsa, l’eliminazione delle tasse per tutti i non borsisti, una riforma del reclutamento dei ricercatori incentrata su una valutazione del merito e del lavoro svolto, l’approvazione di una Carta dei Diritti dei Dottorandi, la valorizzazione del dottorato nelle imprese, nella scuola e nella pubblica amministrazione, il superamento del precariato nella ricerca.

Google+
© Riproduzione Riservata