• Google+
  • Commenta
1 Maggio 2011

Cinecittà si mostra, gli studios aprono le porte al pubblico

Hanno aperto il 29 aprile, e lo resteranno fino al 30 novembre 2011, le grandi porte di Cinecittà.

A disposizione del pubblico, che potrà girare liberamente, ci saranno i grandi set all’aperto, dalla New York di inizio 900, ricostruita per il Gangs of New York di Martin Scorsese, al senato dell’antica Roma, ricostruito in vetroresina per la fiction Rome.

Ma vi sarà anche una parte interna, fatta dai costumi di scena celebri come quelli indossati da Liz Taylor e Richard Burton in Cleopatra, o il saio di Sean Connery ne Il nome della rosa, o gli oggetti che hanno reso indimenticabili i kolossal, dalla statua a delfino di Ben Hur, all’equipaggiamento de Il paziente inglese.

I costumi dei grandi stilisti, verranno esposte nella Palazzina Fellini. Sarà lì che si potranno vedere l’abito bianco firmato Gattinoni, indossato da Audrey Hepburn per Guerra e pace, o uno degli abiti neri indossato nel film Le amiche di Michelangelo Antonioni creato dalle sorelle Fontana.

E poi le grandi scenografie riprodotte nei bozzetti originali, le fotografie di scene, i video dei provini di coloro che divennero parte integrante della storia del cinema italiano, sequenze di film vecchi e nuovi che scorrono sui pavimenti dei corridoi della Palazzina Presidenziale.

Accanto alla produzione di film ci interessa realizzare altri eventi culturali come questo, speriamo di realizzare nel futuro un museo permanente del cinema – afferma Luigi Abete, presidente degli studios (privatizzati ormai da 13 anni), durante l’inaugurazione – La mostra che avete appena visto è la prova del nove che Cinecittà c’è. Ed è viva.”

E sarà proprio dietro queste solenni mura che verranno girati i prossimi film di Carlo Verdone, Bernardo Bertolucci e probabilmente anche il nuovo film di Woody Allen.

Gli studi saranno aperti dalle 10.30 alle 18.30 tutti i giorni tranne il martedì. Il costo dell’intera visita sarà di 10 euro il biglietto intero e 5 euro il ridotto per i bambini.

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata