• Rossetto
  • di Geso
  • De Leo
  • Quarta
  • Paleari
  • Cocchi
  • Miraglia
  • Tassone
  • Buzzatti
  • Alemanno
  • Leone
  • Cacciatore
  • Andreotti
  • Bonanni
  • Quaglia
  • Grassotti
  • Chelini
  • Coniglio
  • Liguori
  • Meoli
  • Pasquino
  • Boschetti
  • Algeri
  • Falco
  • Scorza
  • Valorzi
  • Napolitani
  • Rinaldi
  • Barnaba
  • Baietti
  • Gelisio
  • Santaniello
  • Catizone
  • Mazzone
  • Casciello
  • Gnudi
  • Bruzzone
  • Califano
  • Ward
  • Bonetti
  • Crepet
  • Romano
  • Dalia
  • De Luca
  • Romano

Donne piagnucolone, vero o falso? Lo svela la ricerca

Antonietta Amato 2 Maggio 2011

Donne piagnucolone più degli uomini, vero o falso? Maggior parte di esse dichiara di aver pianto almeno una volta guardando un film d' amore in tv.

Ma ora è la scienza che parla. Secondo uno studio americano le donne passano più di 12 mesi a piangere. Gli uomini molto meno, e fanno male.

La ricerca è stata condotta su 200 uomini e donne, incaricati di tenere un diario dove registrare ogni lacrima versata. Il 55% degli uomini piange almeno una volta al mese contro il 94% delle donne. La media delle donne piange 5 volte al mese, mentre solo pochissimi uomini piangono più di una volta.
Quando si piange, il periodo del singhiozzo è uguale per tutti: da uno a due minuti, durante i quali si versa una cinquantina di lacrime, equivalenti a circa 50 millilitri.

Ogni essere umano produce circa 70 litri di lacrime in tutta la vita.
Se un uomo viene scoperto a piangere, dice che gli è entrato qualcosa nell’ occhio. I ricercatori ritengono che piangere faccia diminuire ansia, tristezza e ira di circa il 40% e la facilità di pianto nelle donne spiega perchè subiscano un minore numero di collassi cardiaci da stress rispetto agli uomini.

Carmen Cospite

© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto