• Google+
  • Commenta
1 Maggio 2011

Sfide a colpi d’ingegno tra gli studenti di tutta Italia

Si è aperta ufficialmente l’8 aprile presso la facoltà di ingegneria dell’università di Roma Tor Vergata la quarta edizione di IBEC(Italian Best Engineer Competition).

Rispetto agli altri anni,si è ottenuto il patrocinio del CNR ed è stato maggiore il coinvolgimento con i professori.

La competizione è strutturata in due rami: uno locale al quale possono partecipare tutti gli studenti dei rispettivi atenei,ed uno nazionale che eleggerà i vincitori della competizione.

La finale nazionale si terrà a Milano dal 25 al 29 maggio 2011; l’obiettivo è stabilire chi saprà mettere meglio a frutto le proprie conoscenze tecniche.

I vincitori della finale nazionale saranno ammessi alla fase europea che si svolgerà ad agosto 2011 ad Istanbulg,nella quale potranno confrontarsi con le squadre provenienti dagli altri paesi europei.

Non mancano i timori,ed in particolare quello conseguente al possibile maggiore spazio dato alle università private non qualificate.

C’è la paura che le università pubbliche possano perdere considerazione da parte di chi ci governa,perché le ultime variazioni apportate anche di tipo legislativo non vanno nella direzione di potenziare il sistema pubblico della formazione,sia scolastico che universitario.

Dati positivi,tuttavia,esistono:l’Adesione della presidenza della Repubblica,arrivata quest’anno,rappresenta un grande riconoscimento,come sottolinea Vittorio Rocco,preside dell’Università di ingegneria a Tor Vergata.

Dunque,è confermata l’importanza della materia di studio che si concretizza in un Engineer Competition che stimola la creatività insita nelle menti dei ragazzi,scoprendo qualità e capacità che non sempre vengono saggiate dal tradizionale percorso universitario.

Roberta Nardi

Google+
© Riproduzione Riservata