• Google+
  • Commenta
23 giugno 2011

Uniss: La risposta alla lettera di Diego Corraine

I linguisti e filologi della Commissione di Ateneo per la lingua sarda e il rettore Attilio Mastino rispondono alla lettera di Diego Corraine, pubblicata ieri sulla “Nuova Sardegna”, che chiama in causa l’Università di Sassari con alcune affermazioni che, secondo i docenti, non rispecchiano la realtà dei fatti.

In sa “Nuova Sardegna” de su 22 de lampadas Diego Corraine, faveddande de s’imparu de sa limba sarda in s’Universidade de Tattari, at iscrittu paragulas pacu sapias.

Non cherimus gherrare chin nemmos, ma carchi cosichedda la cherimus e deppimus narrere, ca sa beridade no est succu e no est nemmancu una beste chi cadaunu si ponet sicunde sa die o s’istajone.

A cadaunu s’arte sua”, nabat cussu chi crastabat tilipirches.

In s’Universidade de Tattari sas minorias de limba las amus amparadas e istudiadas chin passione dae tempus, adderettaos dae cunsideradores de bonu cunsideru. In carchi cadasseddu de sa Regione si podet fintzas accattare su progettu nostru pro unu cursu de limba sarda pro sos mastros de iscola, ma custu Corraine ja l’ischit (ca sos papiros los amus daos a issu puru), e ischit puru chi semus galu isettande chi nos naren chi eja o chi nos torren curcuvica. Dae commo un annu semus isettande, chin passentzia manna.
Sisse, beru est: sa limba, pro nois, est prima de tottu cultura. Pessamus chi chene litteradura, chene s’istudiu de sas usantzias e de s’istoria, chene sabidoria, chene limbazos, sa limba no esistit, est unu nudda, unu battile, unu trastu calesisiat, comente sa ‘limba sarda comuna’. Corraine, chi si credet sa vestale de sa limba sarda comuna, iscrivet chi podet essere puru chi su sardu e sas atteras limbas de Sardigna in s’Universidade non las ischimus faveddare. Fortzis oje est Pasca de frores e est falau s’Ispiritu Santu, o fortzis non cherimus imparare custa limba bodia, chene istoria, chene sambene, chentza bida chi sun fravicande commo in carchi sostre. Pro connoschere sa Sardigna non bastat faveddare su sardu. Pro custu nois abbarramus in su caminu nostru.

Hanno partecipato all’incontro anche il rettore Attilio Mastino il preside della facoltà Salvatore Naitana. Ha coordinato i lavori Giovanni Mario Careddu, docente della facoltà di Veterinaria dell’Università di Sassari.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy