• Google+
  • Commenta
11 agosto 2011

Questo è troppo!

I contributi universitari di centinaia di studenti sottratti in modo così illecito svelano una quantità di irregolarità che il direttore amministrativo dell’ateneo ha avuto modo di portare alla luce.
Non sono pochi euro quelli che Franca Gottardi deve all’alma mater di Bologna. La segretaria di economia è stata accusata infatti di aver sottratto all’ateneo ben 370.000 euro. I contributi universitari di centinaia di studenti sottratti in modo così illecito svelano una quantità di irregolarità che il direttore amministrativo dell’ateneo ha avuto modo di portare alla luce.

La Gottardi non è nuova al tribunale Bolognese, già nel ‘97 ebbe inizio il primo processo che terminò nel 2002, nette le accuse e schiaccianti le prove: sottrazione di denaro dalla cassa del dipartimento, con una condanna per peculato cui seguirono altre due nel corso del 2004 che costringono l’ex segretaria del dipartimento di scienze economiche al risarcimento di 319.000 euro, con un aggiunta di 50.000 euro per danno d’immagine.

Tra gli indagati spiccano anche gli ex direttori dell’ateneo, accusati di una scarsa attenzione alla gestione economica dei fondi versati dagli studenti, amministrati in modo da permettere per anni ammanchi di piccole e grandi dimensioni. Accuse che nonostante siano giunte in prescrizione hanno comunque valore.

Guido Gambetta, Carlo D’adda, e Renzo Orsi sono i tre ex direttori che dal ‘93 al 2002 hanno amministrato la situazione economica dell’Alma Mater di Bologna, e che in caso di mancato pagamento da parte di Franca Gottardi, la quale verrà sottoposta a pignoramento giudiziario, dovranno provvedere al risarcimento del danno. Un piano giuridico definito contro una frode degna di tale nome.

Valentina Quaranta

Google+
© Riproduzione Riservata