• Google+
  • Commenta
17 settembre 2011

Baronissi Jazz, successo targato Unisa

L’orchestra Latin Jazz dell’Università di Salerno sbarca a Baronissi Jazz, l’annuale appuntamento con la musica di qualità organizzato dal Comune di Baronissi e giunto alle sua quindicesima edizione.
Nel corso di questi anni la rassegna ha ospitato alcuni tra i migliori artisti del panorama jazzistico nazionale e internazionale come i Deidda Brothers, Rosalia De Souza, Stefano Di Battista, Sergio Cammariere, Fabrizio Bosso e tanti altri notevoli musicisti.

Quest’ anno (precisamente domenica undici settembre) è stata la volta dell’ Orchestra Jazz dell’Università di Salerno diretta da
Stefano Giuliani e accompagnata da un ospite d’eccezione: il musicista e ballerino sud-americano Alvaro Martinez.

La loro unione ha dato vita ad una perfetta contaminazione artistica tra le classicità del Jazz e la musica Latina; quella del Sud del mondo, in particolare quella nata in Brasile, Cuba, Columbia.

Proprio questo, infatti, l’obiettivo dell’Orchestra salernitana: fondere le sonorità tipiche del Jazz (quelle del blues e dello swing), quelle Latino-Americane della salsa e del mambo e il ritmo e le percussioni della musica d’Africa, terra madre del genere Jazz.

E pare che il pubblico dell’Anfiteatro comunale di Baronissi abbia ampiamente apprezzato la performance, facendosi trasportare dal ritmo e dall’energia della musica di Martinez e dei diciassette orchestrali, tutti studenti e docenti dell’Università salernitana.
L’Orchestra nasce nel 1997 per iniziativa del Prof. Gianfranco Rizzo e del Maestro Stefano Giuliani. Ha partecipato a due edizioni di Umbria Jazz e a numerosi concerti in Italia e all’estero, pubblicando due CD di cui il primo nel 1999 dal titolo “Take the U train” e il secondo,”Next Station”, nel 2001.

L’Orchestra Latin Jazz è una delle tante realtà musicali presenti sull’Ateneo che mostra in questo modo di dare grande rilievo alla musica. Così come fa il Comune di Baronissi che con questa iniziativa intende educare alla conoscenza e all’ascolto di uno dei più sofisticati, esclusivi e affascinanti generi musicali.
La musica dell’anima” o “la musica che nasce dall’esperienza“; queste alcune delle definizioni del Jazz che, invece, secondo Duke Ellington, è paragonabile al tipo d’uomo con cui non vorreste che uscisse vostra figlia!

Simona Gaeta

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy