• Google+
  • Commenta
8 ottobre 2011

Federazione delle università regionali in Abruzzo: parlano i sindacati

Chiodi l’aveva promesso durante l’elezione del nuovo presidente del Ccrua “Come Regione vogliamo riaffermare la grande considerazione per il sistema di istruzione universitario che assume sempre più importanza in un contesto mondiale dove le competenze fortunatamente assumeranno un ruolo sempre più rilevante” e i pensieri dei sindacati non si sono lasciati attendere e anche se sono in contrasto in merito a tempi e modalità sulla costituzione della Federazione delle università regionali sono pronti a discuterne e trovare una soluzione .

Maurizio Spina, segretario regionale della Cisl sottolinea come “L’università rappresenti un soggetto essenziale per il futuro della nostra regione. La Federazioni degli Atenei è finalizzata al miglioramento della qualità, dell’efficienza e dell’efficacia delle attività istituzionali e gestionali e alla razionalizzazione nella distribuzione delle sedi universitarie. Siamo convinti, infatti, che la Federazione degli Atenei può essere un momento di incontro e di sinergia non solo per il mondo accademico e il mondo giovanile universitario, ma anche in grado di determinare le prospettive della nostra Regione. Non deve rappresentare l’attuazione di una semplice indicazione di legge, ma l’occasione di rispondere in modo concreto ed adeguato alle sfide della modernità”.

Anche Piero Peretti, segretario dell’Ugl Abruzzo dice la sua sostenendo che “L’università unica regionale è la meta da raggiungere, ma tale nobile intendimento, necessita di basilari passaggi intermedi. In tale prospettiva, – spiega – appare indispensabile l’avvio di una stretta collaborazione tra le università dell’Aquila e di Teramo che, sinergicamente, porti alla creazione di un polo universitario di alta eccellenza che offra qualità formativa e nuove prospettive ai giovani non solo dell’Abruzzo interno ma anche delle regioni limitrofe. Leproposte del rettore dell’università dell’Aquila, Ferdinando di Orio, che caldeggia un gemellaggio tra i due atenei con l’obiettivo di creare “un corridoio del sapere” che vada dalla Marsica a Teramo. Solo dopo aver costituito il polo universitario dell’Abruzzo interno, -conclude- si potrà finalmente ipotizzare la realizzazione dell’ateneo unico regionale”.

Piena fiducia arriva anche dal segretario della UilAbruzzo, Roberto Campo, che dichiara: “La scelta che tutti abbiamo sottoscritto di adesione al Patto per lo Sviluppo dell’Abruzzo deve significare che siamo quanto meno disponibili al confronto, senza cingere di mura i nostri ambiti, per cercare soluzioni che facciano l’interesse generale. Siamo dunque d’accordo -conclude- con il presidente Chiodi quando, nel rispetto dell’autonomia delle università, propone che si individuino nell’ambito del Patto passi avanti nella direzione dell’integrazione delle nostre tre università”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy