• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2011

Unipd: Non siamo solo numeri: contarsi per essere migliori

«Se non sappiamo come siamo fatti, con i nostri punti di forza e quelli di debolezza, come facciamo a decidere cosa fare per rendere migliore l’Italia?» con queste parole Enrico Giovannini, Presidente dell’ISTAT, ha recentemente sottolineato l’importanza del Censimento 2011.

Previsto per la prima volta da una legge europea, il censimento conta numeri impressionanti: 18 milioni di questionari consegnati, possibilità di compilare le domande on-line (che, per una popolazione che ha il 55% di soggetti collegato a Internet, significa la più grande operazione via web mai tentata), eliminazione, rispetto all’ultimo del 9 ottobre 2001, dei centomila rilevatori porta a porta.

L’importanza di un censimento lo si capisce anche solo dalla cronologia delle rilevazioni: la prima fu nel 1861, cioè subito dopo l’unità d’Italia, e con cadenza decennale si sono ripetute fino a oggi con eccezione degli anni 1891 e 1941. Fotografie di un’Italia che cambia non solo dal punto di vista della popolazione, ma anche nell’agricoltura, nei servizi, nell’industria grazie a questionari ad hoc come quello del 2010.

“Viva i censimenti! I censimenti ieri, oggi e domani” è il titolo del convegno che giovedì 20 ottobre, proprio nella “Giornata italiana della Statistica”, dalle ore 14.30 si terrà in Aula SC 60 del Complesso Santa Caterina, in via Cesare Battisti 241 a Padova.

Organizzato dalla Facoltà, dal Dipartimento di Scienze Statistiche, dall’ISTAT, Sede per il Veneto, e dalla Direzione Sistema Statistico del Veneto l’incontro, dopo i saluti di Gianpiero Dalla Zuanna, Preside della Facoltà di Scienze Statistiche, e del Direttore del Dipartimento Alessandra Salvan, farà il punto sulla storia del censimento in Italia, sulla tornata mondiale delle rilevazioni del 2011 e sull’uso dei micro-dati censuari.

Di particolare interesse è l’approfondimento sui censimenti dell’agricoltura, popolazione, industria-servizi del 2010-12 e sui primi risultati per il Veneto di quello sull’agricoltura.

Partecipano, tra gli altri, Rosalba Sterzi, ISTAT Veneto, Maria Teresa Coronella, Direzione Sistema Statistico Regionale, e Franco Bonarini, Maria Castiglioni, Fiorenzo Rossi docenti dell’Ateneo patavino.

Per informazioni 049 827 4167 e segrorg@stat.unipd.it

Google+
© Riproduzione Riservata