• Andreotti
  • Califano
  • Gnudi
  • de Durante
  • Antonucci
  • Buzzatti
  • Napolitani
  • Quaglia
  • Algeri
  • Falco
  • Santaniello
  • Leone
  • Ward
  • Bonanni
  • Grassotti
  • Quarta
  • Gelisio
  • Romano
  • Liguori
  • De Leo
  • Meoli
  • Tassone
  • Boschetti
  • Cacciatore
  • Coniglio
  • Rinaldi
  • Romano
  • Bruzzone
  • Paleari
  • Baietti
  • Carfagna
  • Cocchi
  • Alemanno
  • Pasquino
  • Scorza
  • Crepet
  • Rossetto
  • di Geso
  • Catizone
  • Casciello
  • Bonetti
  • Valorzi
  • Mazzone
  • Barnaba
  • Ferrante
  • De Luca
  • Miraglia
  • Dalia
  • Chelini

Premio di laurea Giorgio Canuto all’Università di Parma

Antonietta Amato 24 Ottobre 2011
A. A.
27/01/2022

Giovedì 27 ottobre, alle ore 10.



30, presso l’Aula C del Plesso D’Azeglio dell’Ateneo (via D’Azeglio 85), si terrà la cerimonia di consegna del Premio di laurea Giorgio Canuto per la migliore tesi di laurea in interlinguistica ed esperantologia.

Nato nell’a.a. 2009-2010 per celebrare il Cinquantesimo anniversario dalla scomparsa del Prof. Giorgio Canuto (già Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Parma dal 1950 al 1956 e Presidente Internazionale del Movimento Esperantista dal 1956 al 1960), il Premio ‘Giorgio Canuto’ per la migliore tesi di laurea in interlinguistica ed esperantologia è stato conferito, nella sua seconda edizione, a Sabrina Chetta (Università Statale di Milano).

Nella corso della cerimonia Davide Astori, del Dipartimento di Filologia Classica e Medievale, motiverà e conferirà il premio alla Dott.ssa Chetta; a questo seguirà la prolusione di Robert Phillipson, professore emerito della Copenhagen Business School, sul tema “Maintaining diversity in scholarly languages”. Introdurrà Marco Mezzadri, del Dipartimento di Italianistica, che in chiusura interverrà con “Riflessioni sulla sperimentazione della didattica in lingua veicolare”.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto