• Romano
  • Andreotti
  • Falco
  • Meoli
  • Tassone
  • Cocchi
  • Casciello
  • Catizone
  • De Luca
  • Crepet
  • Califano
  • Quarta
  • Bruzzone
  • Boschetti
  • di Geso
  • Ward
  • Miraglia
  • Dalia
  • Bonanni
  • Coniglio
  • Cacciatore
  • Santaniello
  • Napolitani
  • Romano
  • Mazzone
  • Algeri
  • Carfagna
  • Bonetti
  • Alemanno
  • Quaglia
  • Baietti
  • Valorzi
  • Liguori
  • Paleari
  • Buzzatti
  • Pasquino
  • Grassotti
  • Chelini
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Scorza
  • Gnudi
  • Gelisio
  • Leone
  • De Leo
  • Rinaldi

Unive: tre milioni di euro per le coste nordafricane

11 Ottobre 2011
.
25/07/2021

Da Venezia il via al progetto UE da tre milioni e mezzo di euro per il monitoraggio delle coste nordafricane che vede l’Università Ca’ Foscari capofila di 11 partner internazionali.

Si è tenuto oggi, lunedì 10 ottobre, il primo incontro della tre giorni veneziana che dovrà stendere ‘l’agenda’ del progetto – denominato MEDINA – partito ufficialmente l’1 ottobre.

Lo scopo di MEDINA è quello di valutare, nel corso dei prossimi tre anni, le coste delle aree mediterranee di Marocco, Algeria, Tunisia, Libia e Egitto, operando una valutazione regionale sullo stato di questi ecosistemi.

Dopo il benvenuto del rettore di Ca’ Foscari, Carlo Carraro, la presentazione del progetto è stata affidata al coordinatore scientifico della missione, il docente del Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica dell’ateneo veneziano Roberto Pastres.

Nel corso dell’incontro è stato inoltre illustrato il nuovo sistema d’archivio GEOSS che renderà disponibili i dati e i modelli raccolti nei 5 Paesi nordafricani.

«La costa mediterranea dell’Africa rappresenta forti problematiche ambientali – afferma il prof. Pastres – Il nostro scopo è individuare le aree particolarmente sensibili dove andare a verificare la bontà degli strumenti da utilizzare per la messa a punto dei sistemi di monitoraggio».

Sono molteplici le forme di inquinamento con le quali il team di ricerca farà i conti: l’inquinamento di tipo chimico, legato soprattutto alle industrie petrolifere, i problemi causati dal traffico di navi che interessa le coste marocchine, o l’attività massiccia della pesca. E ancora le pressioni generate dall’incremento di popolazione lungo la fascia costiera e di quella turistica in continuo aumento.

La valutazione si avvarrà sia di dati raccolti sul posto che di rilievi satellitari. Il sistema d’archivio GEOSS consentirà di integrare i monitoraggi e le banche dati esistenti.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata