• Google+
  • Commenta
24 novembre 2011

Cerchi casa in affitto? A Bologna conviene

La scelta dell’Università in cui studiare, per gli studenti fuori sede, spesso, dipende anche dal costo della vita che si troveranno ad affrontare, una volta trasferitisi nella nuova città. Un’indagine promossa dall’osservatorio SoloAffitti svela che Bologna risulti avere i prezzi di affitto più bassi tra le grandi città, ma sarà vero?

Che il costo degli affitti di Milano e Roma superino abbondantemente quelli della città Felsinea è cosa nota, ma che risulti essere una delle meno care, ai tanti studenti fuori sede che la abitano, suona quanto meno strano.

I numeri presentati dalla ricerca mostrano come, a Bologna, un monolocale possa arrivare a costare poco più di 437 euro al mese, mentre per un trilocale la spesa sale sui 574 euro. Inoltre, il tempo impiegato per trovare una casa, che soddisfi le proprie esigenze, si attesta sui due mesi per le zone periferiche, un po’ di più per quanto riguarda il centro storico e i quartieri di pregio.

Sempre secondo la ricerca, i canoni di affitto, a dispetto degli anni passati, si sarebbero addirittura abbassati di circa il 6% e si prevede un’ulteriore abbassamento dei costi per i prossimi anni, anche a causa della crisi economica che costringe famiglie e studenti a cercare sistemazioni più economiche e piccole, abbandonando l’idea, soprattutto per quanto riguarda i nuclei famigliari, di una casa di proprietà.

Numeri alla mano, sembrerebbe proprio che prendere casa in affitto a Bologna sia un vero affare.
La ricerca però, per stessa ammissione di Luca Dondi, responsabile dell’osservatorio immobiliare di Nomisma, non tenendo conto né del sommerso che, soprattutto tra gli studenti, rappresenta una grande fetta degli affitti, né l’aspetto pratico del cercare casa, rende i dati ottenuti, quantomeno, non attinenti alla realtà.

Insomma, parlare di numeri, accompagnati da una metodologia di ricerca scrupolosa e precisa, va bene, serve a fotografare uno spaccato della società in cui viviamo, che spesso si avvicina al vero; cosa dovrebbero pensare, però, quegli studenti a cui vengono offerti tuguri a 400 euro mensili, magari in periferia, con camere da letto senza finestre, con cucine mal funzionanti e non a norma di legge, dopo aver letto questi dati?
Sicuramente sconforto, dovuto anche al fatto che ridurre il tutto ad una mera questione di numeri, senza considerare cosa effettivamente si affitta, in quali condizioni si trova l’immobile, lascia un po’ il tempo che trova.

Far passare l’idea che trovare una casa in affitto a Bologna, a prezzi ragionevoli, sia possibile nel giro di pochi mesi, è quanto più di deleterio si possa fare per gli studenti che, sempre più spesso, si trovano nella condizione di dover abitare in case fatiscenti e dai prezzi esorbitanti, con pagamento in nero si intende: per maggiori informazioni contattare un qualunque fuori sede.

Francesco Pandolfi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy