• Google+
  • Commenta
7 novembre 2011

Tè verde anticancro

E’ recente la scoperta che potrebbe rappresentare la svolta nella ricerca contro il cancro.

Secondo uno studio, infatti, sembra che le foglie di tè contengano delle sostanze in grado di combattere il tumore.

A condurre la ricerca un biologo catanese, Orazio Vittorio, che insieme a Giuseppe Cirillo, chimico farmaceutico dell’Università della Calabria, e Valerio Voliani, chimico della Scuola Normale Superiore di Pisa, ha lavorato a questo progetto finanziato dalla Ge Healthcare.

Catanese, ma trasferitosi a Pisa nel 1999, Orazio Vittorio si laurea con lode nel 2006 in Scienze Biologiche. Durante il dottorato studia nuove terapie basate sull’utilizzo di nanotecnologie per il trapianto di cellule staminali, ottenendo risultati molto interessanti al punto da essere pubblicati su note riviste scientifiche internazionali. Nel 2010 lavora in Scozia, a Dundee, in uno dei più importanti laboratori al mondo, mentre oggi lavora come post doc presso il laboratorio Nest del Cnr-Nano e della Scuola Normale Superiore di Pisa.

Lo scopo del nostro progetto” esordisce il giovane ricercatore, di soli 31 anni “è quello di sviluppare un farmaco indirizzato solo sulle masse tumorali, eliminando gli effetti collaterali della chemioterapia. Stiamo progettando un farmaco nanotecnologico che verrà poi guidato verso le masse tumorali attraverso degli applicatori magnetici“.

Nell’ultimo anno il team ha condotto lo studio concentrandosi in particolar modo su una sostanza estratta dalle foglie di tè verde chimicamente modificata. Il composto è stato in grado di eliminare le cellule tumorali, attivandone la morte per apoptosi. Le dosi utilizzate risultano invece innocue per le circostanti cellule sane.

Ciò che più ci ha colpito” afferma Orazio Vittorio “è aver notato che il composto agisce anche su cellule tumorali che di solito riescono invece a resistere ai comuni chemioterapici“.

Questa fondamentale scoperta, può essere quindi considerata come il primo grande passo verso la sconfitta del cancro.

Bianca Crivelli

Google+
© Riproduzione Riservata