• Google+
  • Commenta
2 novembre 2011

Univr: concerto “Canti la voce, canti la vita”

Un viaggio tra le religioni e i credo del mondo attraverso la musica. Uno studio delle sacre scritture sotto una lente d’ingrandimento tutta musicale. Armonie di note che aiuteranno a riscoprire le origini e la cultura di numerosi popoli saranno riprodotte giovedì 3 novembre alle 20.45 nell’aula magna del polo Zanotto in occasione di “Canti la voce, canti la vita”, un’iniziativa del master universitario in Antropologia e Bibbia attivato dall’Università di Verona e dalla Facoltà Teologica del Triveneto. Artisti di fama internazionale, soprano, tenori e ballerini daranno il loro contributo per rendere unica una serata che si prefigge di unire tutti i popoli sotto la magia del canto, della danza e di antiche e storiche melodie. Uno spettacolo “nel tempo e tra le genti”, diretto da Cristina Antonini, compositrice e promotrice di studi e ricerche sul canto sacro al conservatorio di Vicenza, nonché creatrice di seminari e corsi in collaborazione con le comunità ebraiche, le chiese ortodosse e le religioni orientali.

L’iniziativa, promossa nell’ambito del master universitario in antropologia e Bibbia, proporrà uno studio delle sacre scritture sotto una lente d’ingrandimento tutta musicale. Promosso dalle facoltà di Scienze della formazione e di Lettere e filosofia e dalla facoltà di Teologia del Triveneto, il concerto, in bilico tra arie solenni e liriche originali, compierà un metaforico cammino tra le religioni di tutto il mondo: dai canti sinagogali di Angel Harkatz, della comunità ebraica di Verona, passando per la liturgia russa del tenore Roman Lykov, sino allo spettacolo di ballo indiano-induista “La danza degli dei”. Ma anche religione cattolica, grazie ai canti giapponesi di Rie Abe, soprano della chiesa dei monasteri e buddhismo e al laudario di Cortona di Paola Rossi, contralto della chiesa medievale Laudi e Cantigas; culto ortodosso, con gli inni della chiesa ortodossa bizantina di Athanasios Papadimitriou e della comunità ortodossa rumena di Verona.

“L’ascolto dei canti che esprimono, nel tempo e nello spazio, l’esperienza credente delle varie chiese cristiane e delle diverse religioni può diventare un momento, non solo per gustare la bellezza delle voci e delle melodie, ma anche per alimentare lo spirito in un tempo minacciato dall’aridità – spiegano i direttori dei master Mario Longo e Augusto Barbi -. La serata è aperta a tutti quanti desiderano, attraverso l’esperienza estetica del canto, aprirsi alla polifonia della dimensione religiosa”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy