• Google+
  • Commenta
6 dicembre 2011

La figlia di Maso


La figlia di Maso è un testo “perduto” e ritrovato di ANTONIO MASELLI, autore vichese vissuto tra la metà dell’Ottocento e i primi del Novecento.

Una storia d’amore ispirata ai “Promessi Sposi” manzoniani e nella quale la penna del poliedrico RICCARDO REIM ha trovato ispirazione per un atto unico de La DifférAnce, storica e affermata formazione culturale pugliese.

La pièce, già eseguita in anteprima in matinèe per le scuole al teatro Royal, debutterà in prima nazionale per il Bravò di Bari martedì 6 dicembre alle 21 e in replica mercoledì 7 e venerdì 9 dicembre, sempre alle 21.

La storia, ambientata negli anni sessanta dell’Ottocento, narra le vicende di Giovannina (Tiziana Gerbino) e Mincuccio (Marco Pezzella) il cui amore è ostacolato dal padre di lei, Maso (Lorenzo D’Armento) che a lui, povero figlio di mugnaio, preferirebbe Donatuccio (Francesco Zenzola), diretto discendente del sindaco del paese.

In scena anche Vincenzo Marco De Sario, il finto tecnico.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy