• Cocchi
  • De Luca
  • Boschetti
  • Paleari
  • Casciello
  • Miraglia
  • Scorza
  • Alemanno
  • Gelisio
  • Bonanni
  • Bonetti
  • Romano
  • De Leo
  • Valorzi
  • Algeri
  • Tassone
  • Dalia
  • Grassotti
  • Coniglio
  • Bruzzone
  • Califano
  • Cacciatore
  • Quaglia
  • Carfagna
  • Rossetto
  • Crepet
  • Santaniello
  • Mazzone
  • Buzzatti
  • Andreotti
  • Falco
  • Rinaldi
  • Meoli
  • Ferrante
  • Quarta
  • Barnaba
  • Pasquino
  • Baietti
  • Gnudi
  • Leone
  • Catizone
  • Romano
  • Chelini
  • Napolitani
  • Ward
  • di Geso
  • Liguori

La figlia di Maso

6 Dicembre 2011
.
17/09/2021

La figlia di Maso è un testo “perduto” e ritrovato di ANTONIO MASELLI, autore vichese vissuto tra la metà dell’Ottocento e i primi del Novecento.



Una storia d’amore ispirata ai “Promessi Sposi” manzoniani e nella quale la penna del poliedrico RICCARDO REIM ha trovato ispirazione per un atto unico de La DifférAnce, storica e affermata formazione culturale pugliese.

La pièce, già eseguita in anteprima in matinèe per le scuole al teatro Royal, debutterà in prima nazionale per il Bravò di Bari martedì 6 dicembre alle 21 e in replica mercoledì 7 e venerdì 9 dicembre, sempre alle 21.

La storia, ambientata negli anni sessanta dell’Ottocento, narra le vicende di Giovannina (Tiziana Gerbino) e Mincuccio (Marco Pezzella) il cui amore è ostacolato dal padre di lei, Maso (Lorenzo D’Armento) che a lui, povero figlio di mugnaio, preferirebbe Donatuccio (Francesco Zenzola), diretto discendente del sindaco del paese.

In scena anche Vincenzo Marco De Sario, il finto tecnico.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata